Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Gossip

Un gruppo di milionari sta organizzando dei “veri” Hunger Games: chi si offre volontario?

Immagine di copertina
Crediti: Warner Bros. Pictures

Tutto è partito dal progetto di Fortnite, un’iniziativa che è attualmente alla ricerca di un’isola privata per rendere il celebre videogioco un’esperienza reale. Adesso, sempre dal Regno Unito, arriva una nuova proposta per il mondo reale. Cosa direste se qualcuno portasse gli Hunger Games nella realtà? Con determinate restrizioni, ovviamente.

Seguendo la scia dei Battle Royale, un genere che prevede la lotta all’ultimo respiro, il mondo dei videogiochi potrebbe fondersi presto con quello reale.

Era soltanto questione di tempo prima che un miliardario s’interessasse al mondo di Katniss e ai suoi crudeli Hunger Games.

Nessuno vuole portare la rivoluzione e distruzione della celebre saga cinematografica nel mondo reale, ma soltanto emulare il concetto del gioco.

Pare proprio che gli Hunger Games siano già realtà nella mente di chi ha un supporto economico a disposizione da poter investire in un simile progetto. A mancare sono proprio i protagonisti.

Sempre attraverso la piattaforma di Hush Hush (sito di e-commerce che si è fatto portavoce anche dell’iniziativa di Fortnite), il progetto messo in piedi è alla ricerca di 100 concorrenti che andranno alla ricerca di 100mila sterline, un premio che fa gola e per il quale bisognerà lottare e resistere per tre giorni in una zona delimitata. Sopravvivere alle insidie degli Hunger Games non è facile e questo ce lo ha insegnato Katniss Everdeen (protagonista della saga).

I concorrenti saranno dotati di armi (probabilmente pistole da softair, proprio per salvaguardare l’incolumità dell’essere umano), ma anche di attrezzature da campeggio, cibo, munizioni e armature sensibili al tocco (per concretizzare quando un concorrente verrà colpito).

“I giochi Battle Royale sono diventati incredibilmente popolari negli ultimi anni e il nostro cliente è un grande fan che vuole realizzare un gioco nella vita reale nel modo più sicuro possibile. Se il campionato avrà successo quest’anno, potrebbe diventare un appuntamento annuale, il che è fantastico”, ha dichiarato Aaron Harpin, il fondatore di Hush Hush.

Cosa state aspettando? Gli Hunger Games stanno arrivando e voi potreste essere i prossimi volontari.

Ti potrebbe interessare
Gossip / Franco Oppini, la confessione hot: “Il mio segreto con Ada Alberti? Facciamo l’amore otto ore al giorno”
Gossip / Gli insulti alla moglie italiana di Morata dopo la partita contro la Spagna
Gossip / “Can Yaman furioso”, “Diletta Leotta lo trattiene”: cos’è successo davvero in Turchia | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Gossip / Franco Oppini, la confessione hot: “Il mio segreto con Ada Alberti? Facciamo l’amore otto ore al giorno”
Gossip / Gli insulti alla moglie italiana di Morata dopo la partita contro la Spagna
Gossip / “Can Yaman furioso”, “Diletta Leotta lo trattiene”: cos’è successo davvero in Turchia | VIDEO
Gossip / Massimo Boldi è di nuovo innamorato, lei ha 34 anni di meno: “Mi sfugge, si ritrae”
Gossip / Amedeo Goria e la fidanzata Vera Miales: “Facciamo l’amore 5 volte al giorno”
Gossip / La compagna del virologo Pregliasco: “Totalmente contraria al fatto che vada in tv, gli dico che è un pirla”
Gossip / Jennifer Lopez e Ben Affleck di nuovo insieme: il video del bacio
Gossip / Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin, fa coming out: “Sono bisessuale”
Costume / Kanye West e Irina Shayk stanno insieme: le foto della coppia in vacanza in Provenza
Gossip / “Me sto a sentì male”, la reazione della fidanzata di Damiano per la vittoria all’Eurovision