Da “cabasisi” a “camurrìa”: tutte le frasi di Montalbano entrate nel nostro quotidiano

Le frasi più celebri dell'amato Commissario nato dalla penna dello scrittore siciliano

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 17 Lug. 2019 alle 10:26 Aggiornato il 17 Lug. 2020 alle 07:41
244
Immagine di copertina
Zingaretti e Camilleri

Le frasi di Montalbano più celebri ci accompagneranno sempre. La morte di Andrea Camilleri lasceha lasciato un grandissimo vuoto nella cultura italiana.

Il suo personaggio più conosciuto resterà vivo non solo nei ricordi ma anche nella quotidianità di tutti noi.

Andrea Camilleri è morto: addio al papà di Montalbano

Andrea Camilleri, 18 bellissime opere dello scrittore siciliano

Sì perché alcune frasi del Commissario Montalbano sono entrate nel vocabolario di tutti i giorni e ormai fanno parte della nostra lingua. Ecco quali sono:

Cabasisi: “una rottura di cabasisi”, “scassare i cabasisi”, “non mi rompa i cabasisi” per dire, in maniera ‘garbata’, di non rompere le scatole

Camurria: per intendere una grossa scocciatura

Babbiare: significa parlare senza serietà, senza prendersi sul serio. Questo verbo tanto caro ad Andrea Camilleri e al Commissario Montalbano è addirittura stato inserito nel vocabolario Zanichelli.

Ammazzatina: omicidio, uccisione violenta. Frase usata molto spesso dal celebre commissario di Vigata.

Di persona personalmente: parole pronunciate spesso dall’agente Catarella, interpretato da Angelo Russo

Montalbano sono: il modo di presentarsi del commissario Montalbano

Gli occhi gli facevano pupi pupi: quando per la stanchezza la vista si annebbia

Frasi Montalbano

L’ultimo libro di Montalbano uscirà dopo la morte di Camilleri

La lettera di Camilleri per Montalbano (letta da Luca Zingaretti)

244
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.