Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home

Dentro la fabbrica che realizza le statuette degli Oscar

Immagine di copertina

La storica azienda, con sede a Chicago e che realizzava i trofei d'oro dal 1982, ha perso il contratto. Ora il nuovo produttore dei premi si trova a New York

OSCAR 2019 STATUETTE – L’azienda R.S. Owensche dal 1982 realizzava a Chicago le statuette d’oro degli Oscar, nel 2016 ha perso il contratto per produrre i trofei iconici. Il laboratorio del premio cinematografico – il riconoscimento più ambito nel settore – dava lavoro a 175 persone a Jefferson Park.

Tre anni fa l’azienda è stata sostituita da Polich Tallix Fine Art Foundry, la rivale di New York. L’Academy of Motion Picture Arts e Sciences ha preso questa decisione spiegando che il cambio del fornitore è stato motivato dal desiderio di tornare al design originale della statuetta Oscar del 1929.

Polich – la nuova società – utilizza un processo a cera persa per realizzare il trofeo (prima in bronzo) e una finitura dorata a 24 carati. Il tutto basandosi su una scansione digitale di un trofeo del 1929 realizzato dal direttore artistico della MGM, Cedric Gibbons.

Le prime statuette Polich sono state consegnate durante la cerimonia del 2016, il 28 febbraio, ma la vecchia azienda RS Owens continua comunque a produrre premi meno noti come i trofei per gli Emmy.

Il peso medio di ogni Oscar è di quattro chili, molto più massiccio di quello che sembra.

Secondo la “ricetta” R.S. Owens la statuetta è composta da lega di metallo, ricoperta di nickel, argento e oro a 24 carati.

Oscar 2019 Statuette | Cosa sono gli Oscar

L’Oscar – detto anche Academy Award – è, nel mondo del cinema, il riconoscimento più prestigioso. Ideata per la prima volta nel 1929, la statuetta d’oro – simbolo che contraddistingue il premio – ogni anno viene assegnata tra febbraio e marzo, una domenica, al Dolby Theatre di Los Angeles, in California. Quest’anno la cerimonia, la 91esima, si tiene il 24 febbraio 2019 (la notte del 25 in Italia). La durata è di circa tre ore.

A decidere i film, gli attori, i registi e tutte le personalità che si sono distinte nella stagione cinematografica appena trascorsa è l’Academy che, circa un mese prima della cerimonia (stavolta il 22 gennaio) annuncia quali sono i candidati agli Oscar.

LEGGI ANCHE: Oscar 2019: tutte le ultime notizie in tempo reale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Valle D’Aosta, valanga a La Thuile: travolti due sciatori. Uno è ancora sepolto
Spettacoli / Quando l’opera diventa pop: attesa per la Prima della Scala con il Macbeth di Verdi
Politica / Conte: “Mi candiderò a Politiche. Entrerò in Parlamento dalla porta principale”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Valle D’Aosta, valanga a La Thuile: travolti due sciatori. Uno è ancora sepolto
Spettacoli / Quando l’opera diventa pop: attesa per la Prima della Scala con il Macbeth di Verdi
Politica / Conte: “Mi candiderò a Politiche. Entrerò in Parlamento dalla porta principale”
Oroscopo / Oroscopo Paolo Fox di domani per Bilancia, Scorpione, Sagittario, Capricorno, Acquario e Pesci | Mercoledì 8 dicembre 2021
Opinioni / Vademecum per capire la crisi al confine tra Polonia e Bielorussia
Oroscopo / Oroscopo Paolo Fox di domani per Ariete, Toro, Gemelli, Cancro, Leone e Vergine | Mercoledì 8 dicembre 2021
Cronaca / Covid, il governo non esclude nuove restrizioni a Natale in caso di peggioramento dell’indice Rt
TV / Anticipazioni Uomini e Donne oggi, 7 dicembre 2021 | Trono Classico e Over
Cronaca / Palermo, bambina di 11 mesi in overdose: è il quarto caso in meno di un mese
Esteri / Processo a Patrick Zaki: firmato ordine di scarcerazione in attesa dell’udienza del primo febbraio