Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home

Feste erotiche, lotte tra cani: Istanbul negli scatti di un fotografo arrestato

Immagine di copertina
Credit: Çağdaş Erdoğan

Sesso, combattimenti fra animali e criminalità: le fotografie di Cağdaş Erdoğan catturano l'esplosione della ribellione clandestina in alcune parti di Istanbul

Nel mese di settembre, Çağdaş Erdoğan, artista e fotografo autodidatta nato nel 1992 in una piccola città nella Turchia orientale, ha portato la sua macchina fotografica al Parc Yoğurtçu, un luogo popolare di Istanbul vicino allo stadio di calcio del Fenerbahçe.

Çağdaş si trovava a Istanbul e stava scattando qualche fotografia della città quando si è trovato ad essere accusato da un agente della polizia di aver immortalato l’edificio governativo MIT che ospita il National Intelligence Centre della Turchia.

Si pensa che il giovane fotografo, apparso anche nella prestigiosa lista del British Journal of Photography “One to Watch” all’inizio di quest’anno, sia stato preso in custodia il 2 settembre 2017 nel distretto centrale di Kadikoy.

Qualche ora dopo, il suo sito Web è stato messo offline e i suoi feed sui social media sono stati disattivati.

È stato arrestato ufficialmente il 13 settembre 2017 e incarcerato con l’accusa di aver aderito ad un’organizzazione terroristica, secondo il sito turkeypurge.com. Nell’attuale stato di emergenza della Turchia, l’arresto prima del processo può durare 4 a 6 mesi.

Erdoğan è un turco curdo di 26 anni e fa parte di SO Collective , un’agenzia fotografica indipendente e anonima creata nel 2013 da quei fotoreporter che, per molte ragioni, sono stati inseriti nelle liste nere dalle autorità e emarginati dai media ormai quasi completamente statali.

Il gruppo, originariamente chiamato lo “stato di emergenza collettiva”, si impegna a fornire “una fonte alternativa di informazioni”, fotografie prive di graffi agli obiettivi dei disordini civili e lontano dal risorgente autoritarismo della Turchia sotto il presidente Recep Tayyip Erdoğan.

Prima di essere arrestato, Çağdaş Erdoğan stava lavorando ad un suo progetto fotografico “Control”.

“Mi sono trasferito nel distretto Gazi di Istanbul nel 2014 per completare il mio progetto Control. Attualmente sto fotografando i conflitti politici armati, i combattimenti tra cani e le feste sessuali che si svolgono in Gazi e in altri quartieri segregati a Istanbul. Il fattore comune tra queste aree è che i residenti sono principalmente Curdi, Aleviti e rifugiati. Recentemente, il governo ha aumentato la pressione e ora sta tentando diverse strategie politiche per eliminare queste comunità”.

Il suo lavoro è stato pubblicato da testate internazionali tra cui il New York Times, il Guardian e il Wall Street Journal e immortala gli aspetti più nascosti della capitale turca. La vita notturna, le comunità LGBT e movimenti di resistenza.

All’inizio di quest’anno, Çağdaş Erdoğan ha pubblicato proprio la sua prima monografia con Akina Books ” Control” , che riguarda scatti a Istanbul tra il 2015 e il 2017. Al momento della pubblicazione il sito web di Erdoğan  non era disponibile.

Nelle sue fotografie si assiste a combattimenti di cani, violenza armata e sesso, e l’osservatore viene trascinato in un apparente malvagio mondo sotterraneo nascosto alla vista.

Gazi è uno dei tanti distretti in cui Erdoğan si è spinto, dove le comunità sono emarginate o sono costrette nei sobborghi della città. In gran parte si tratta di personaggi che, dimenticati o ignorati di giorno,  prostitute, criminali e anime perdute, dominano invece la notte, e nell’obbiettivo di Erdoğan si collocano al centro della scena.

“Le attività sessuali sono uno degli eventi più segreti che vengono spinti nella notte. Coloro che non riescono a vivere i loro diversi orientamenti e preferenze sessuali all’interno della società, li soddisfano segretamente di notte.

Persone di diverse classi e professioni si riuniscono per organizzare feste sessuali. Coloro che partecipano a questi eventi sono di solito persone che sono costrette a nascondere il loro orientamento sessuale e le loro preferenze dalla società” riferisce il fotografo stesso .

Erdoğan ha iniziato a partecipare a raduni in Gazi in cui le coppie, e talvolta gruppi di persone, avrebbero fatto sesso apertamente, di fronte ad altri frequentatori di feste. Che fossero uomini con donne, uomini con uomini o donne con donne, non interessava particolarmente Erdoğan – li vedeva indistinguibili, uno e lo stesso. Ciò che era importante qui era l’esibizionismo: farlo non solo davanti agli altri, ma nel mirino della sua macchina fotografica. Le sue fotografie erano diventate atti performativi e di aperta ribellione.

“Nella Turchia moderna”, dice, “chiunque abbia una qualsiasi forma di emarginazione sessuale è obbligato a nascondere la propria sessualità. Mi è stato permesso di assistere ad azioni in contrasto con l’immagine conservatrice di Istanbul. Si sono fidati di me abbastanza da aprirsi alla mia macchina fotografica. Essere in grado di fotografare è stata un’esperienza straordinaria. ”

Çağdaş Erdoğan riesce ad offrire uno sguardo sul lato oscuro e contorto di Istanbul.

In un’intervista pubblicata su bjp-online a giugno scorso, il giovane fotografo aveva sollecitato l’importanza della libertà di parola e la necessità di produrre fotografie oneste di ciò che sta accadendo in Turchia. “Il secolarismo è stato soppresso fino al punto in cui è quasi invisibile” dice Erdoğan. “Volevo trovare un modo per esaminare la relazione della società turca con la realtà”.

“I conflitti nell’est del paese spesso aumentano la gravità della pressione. Progetti a lungo termine come la trasformazione urbana vengono introdotti e dissimulano la cultura creata in questi quartieri. I problemi all’interno del sistema educativo portano anche tensione. Semplicemente non ci sono abbastanza scuole e insegnanti in quello che risulta nella maggior parte dei giovani che abbandonano la scuola senza aver completato il liceo” scrive Erdoğan.

Questo fa sì che i bambini realizzino il loro potenziale in altri campi. Crescono cercando di mettersi alla prova da un’età molto giovane. Sfortunatamente questo porta alcuni a seguire un percorso che li introduce al traffico di droga o ai combattimenti illegali di cani. Dopo un po ‘, diventa un modo di vivere”.

Il libro termina con un lungo testo che ruota intorno a temi biblici e babilonesi.

L’autore spiega infatti come l’oscurità diventi un personaggio a sé stante e diventi metafora dei problemi della Turchia.

“Era buio, buio pesto. Quella fu la più grande piaga della nostra epoca. Eravamo stati maledetti e avevamo perso il sole” viene scritto alla fine del libro.

Lungi dall’essere intimiditi dall’esperienza di Erdoğan, il SO Collective continua a crescere, organizzando giornalisti cittadini in tutto il paese.

“Fotografare persone in Turchia è sempre stato difficile” ha detto un portavoce del gruppo “Tutti sono sospettosi. Come fotografo, puoi essere un agente segreto, qualcuno dello stato, un terrorista. Questo rende quasi impossibile connettersi con le persone. Il paese è in uno stato di costante paranoia. Ma stiamo trovando modi per esistere, per essere là fuori – e inseguire la verità “.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Cronaca / Covid, 1.400 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Cronaca / Covid, 1.400 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”
Sport / Turchia Galles streaming e diretta tv: dove vedere la partita degli Europei
Cronaca / Speranza non è ancora vaccinato, Bassetti: “Scandaloso, doveva fare AstraZeneca”
Calcio / Italia-Svizzera, la sfida al vicino neutrale
Politica / Gallera: "Berlusconi mi ha chiesto di andare a Roma. Pronto per un incarico nazionale"
TV / Cesara Buonamici lancia un servizio al Tg5 sulla banda dei Rolex e rivela: “La rapinata ero io”
Esteri / Al via l’incontro tra Biden e Putin. Il presidente Usa: “Sempre meglio incontrarsi faccia a faccia”
Cronaca / Funivia Mottarone, il terribile video che mostra lo schianto della cabina