Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Come un turista cinese è diventato un rifugiato in Germania per due settimane

Immagine di copertina

Un turista cinese cui era stato rubato il portafogli in Germania si è ritrovato a firmare una domanda di asilo e a passare quasi due settimane in un centro di accoglienza

Un turista cinese al quale era stato rubato il portafogli mentre si trovava in vacanza in Germania si è ritrovato a presentare una domanda di asilo per poi finire in un centro destinato ai rifugiati a Dulmen, nel nordovest del paese.

Mr L. ha 31 anni, è di Pechino e non parla altra lingua al di fuori del cinese mandarino.

Si era recato in comune per denunciare il furto del suo portafogli, avvenuto nella cittadina turistica di Heidelberg, a metà strada tra Francoforte e Stoccarda, credendo che si trattasse di una centrale di polizia.

In realtà non stava facendo altro che compilare un modulo per la domanda di asilo. Le autorità tedesche lo hanno così spedito al centro rifugiati di Dulmen, dove è rimasto per quasi due settimane.

Mr L. ha passato 12 giorni da richiedente asilo, seguendo diligentemente le istruzioni che gli venivano impartite, consumando i pasti offerti al centro e ricevendo il piccolo stipendio che viene dato agli altri rifugiati per le necessità quotidiane.

Seguendo le procedure, al turista cinese erano state prese le impronte ed era stato sottoposto a un esame clinico, ma agli operatori del centro di accoglienza qualcosa non tornava.

Strideva con l’ambiente circostante innanzitutto per il suo abbigliamento elegante e curato. Tentava poi di raccontare la propria storia a chiunque prestasse orecchio continuando a chiedere che gli venisse restituito il passaporto, ma nessuno era in grado di comprenderlo.

Poi, con l’aiuto di un ristoratore cinese locale che ha fatto da interprete, le autorità tedesche sono riuscite a fare luce sul surreale equivoco e a tirar fuori il turista dai meandri dell’inflessibile macchina burocratica tedesca.

Dopo che l’inconveniente è stato risolto, “ci ha detto che l’Europa non era come se l’aspettava”, ha riferito Cristoph Shluetermann, direttore della Croce Rossa tedesca. “Cosa avreste detto voi se foste venuti in Europa e aveste passato 12 giorni dormendo in un letto da campeggio in un centro di accoglienza per rifugiati?”.

Nel 2015 sono arrivati in Germania oltre un milione di profughi, in fuga da guerre e violenza, provenienti soprattutto da Siria, Iraq e Afghanistan. Raramente, presentano domanda di asilo anche cittadini cinesi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"