Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Rio 2016, il tuffatore uscito dal coma che ha vinto la medaglia d’oro

Immagine di copertina

Nel 2009 Chris Mears fu colpito da un virus letale e i medici gli diedero il 5 per cento di probabilità di salvarsi. Mercoledì ha battuto i cinesi nel tuffo sincronizzato

Un abbraccio con il suo miglior amico e compagno di squadra davanti al tabellone che segnava un punteggio di 454.32 nella gara di tuffo sincronizzato dal trampolino di 3 metri.

Un pianto liberatorio quando entrambi hanno capito che a salire sul gradino più alto del podio alle Olimpiadi di Rio de Janeiro sarebbero stati loro stavolta, ossia Chris Mears e Jack Laugher, i due tuffatori britannici che mercoledì 10 agosto hanno conquistato la medaglia d’oro battendo i favoriti cinesi, maestri in questa disciplina. 

In particolare, le lacrime di Chris, 23 anni, hanno segnato anche un’altra vittoria, non soltanto sportiva ma anche personale: il suo ritorno alla vita. Nel 2009, il giovane atleta venne colpito da un virus, l’Epstein-Barr, che gli aveva provocato la rottura della milza. In quel frangente, i medici gli diedero solo il 5 percento di probabilità di sopravvivere alla malattia. 

All’epoca Chris di anni ne aveva appena 16 e quando il terribile virus responsabile della mononucleosi lo colpì si trovava in Australia. Nessuno si accorse in tempo della grave infiammazione che lo aveva colpito, nonostante la perdita di molto sangue. Lo trovarono riverso sul pavimento della sua stanza d’albergo.

Dopo sette ore di intervento e tre giorni di coma, le probabilità di riportare delle gravi conseguenze non solo fisiche ma anche cerebrali erano elevatissime. 

Anche il ritorno alle competizioni sportive era da considerarsi un miraggio. 

Dopo lungo tempo, Chris nonostante la vistosa cicatrice sull’addome e senza la milza, è tornato alla vita e al suo sport preferito, partecipando nel 2012 ai Giochi olimpici di Londra e nel 2014 ai giochi del Commonwealth, prima di arrivare ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro, conquistando una medaglia d’oro.  

(Qui di seguito nella foto: Jack Laugher, a sinistra, e Chris Mears, a destra, mentre mostrano la medaglia d’oro vinta a Rio. Credit: Reuters)


Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass