Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La polizia somala ha sparato su una folla che protestava contro gli attentati di Mogadiscio

Immagine di copertina
Immagine di repertorio. Credit: Afp

Il fatto è avvenuto nella capitale Mogadiscio, nei pressi del luogo dove sono teatro degli attentati del 14 ottobre che hanno ucciso oltre 300 persone

A Mogadiscio, la polizia somala ha aperto il fuoco contro una folla di persone che protestava contro gli attentati terroristici che il 14 ottobre hanno ucciso oltre 300 persone, in quella che è stata definita “la peggiore strage di sempre” perpetrata nel paese. Almeno tre persone sono rimaste ferite. A riferirlo è stata l’agenzia di stampa Reuters.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

A quanto riferisce l’agenzia di stampa Reuters, che cita alcuni testimoni presenti al fatto, le autorità hanno cercato di impedire alla folla di accedere al sito degli attentati, avvenuti K5 Junction, una zona ricca di alberghi e ristoranti della capitale somala.

Un testimone citato da Reuters riferisce di aver sentito esplodere alcuni colpi di arma da fuoco subito dopo che la polizia ha fermato i dimostranti. La folla stava infatti marciando verso il luogo in cui sono esplose le due bombe che hanno ucciso più di 300 persone. Al momento nessun gruppo terroristico ha ancora rivendicato gli attentati.

Abdikadir Abdirahman, direttore del servizio di ambulanze Aamin della capitale somala, ha riferito che la propria organizzazione ha dovuto portare via dal luogo della sparatoria una donna incinta insieme ad altre due persone.

“Anche gli altri due erano dimostranti”, ha detto a Reuters Abdirahman. “Sono stati feriti dai proiettili sparati dalla polizia per disperdere la folla che voleva avere accesso al luogo degli attentati. In seguito, gli agenti hanno però permetto alle migliaia di manifestanti di accedere al sito degli attacchi.

 

– LEGGI ANCHE: “Vi racconto la verità su Al Shabab e l’attentato a Mogadiscio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”