Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“Vi racconto la verità su Al Shabab e l’attentato a Mogadiscio”

Immagine di copertina
Credit: AFP PHOTO / Mohamed ABDIWAHAB

Maryan Ismail, portavoce della comunità somala in Italia, parla dell'ultimo attentato avvenuto a Mogadiscio il 14 ottobre, che ha causato la morte di oltre 300 persone e 350 feriti

Dopo l’attentato dello scorso 14 ottobre a Mogadiscio, che ha causato la morte di oltre 300 persone e 350 feriti, molti media hanno ricondotto l’attacco alle modalità tipiche dei miliziani di Al Shabab.

Ma secondo Maryan Ismail, portavoce della comunità somala in Italia, questa volta l’attacco non è opera dell’organizzazione terroristica che in passato ha già colpito il suo paese.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

“Al Shabab non ha subito rivendicato l’attentato come ha invece fatto per gli altri compiuti in passato”, ha detto a TPI Ismail, che è antropologa e presidente dell’Associazione Musulmani Laici. “Anche le procedure sono state diverse: si è scelta una posizione strategica, vicino al luogo dell’esplosione c’è il ministero degli Esteri e diverse ambasciate”.

“Questa bomba è il simbolo della guerra tra la Turchia e l’Arabia Saudita”, sostiene la portavoce della comunità somala in Italia. “La Somalia è in balia degli interessi della Turchia e dell’Arabia Saudita. Anche il Qatar ha forti interessi nel paese”.

Dopo che l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti hanno estromesso il Qatar dall’alleanza araba contro il terrorismo, la Somalia ha assunto una posizione neutrale decidendo di non schierarsi, diversamente da altri paesi.

“La Somalia è un satellite della Turchia”, prosegue Maryan Ismail, “Erdogan ha il controllo del paese e si prende tutte le nostre risorse. La Somalia ha una posizione strategica. Galleggiamo nel petrolio, siamo circondati dai minerali e non siamo colpiti dalla crisi idrica che sta colpendo altri paesi come l’Egitto”.

L’attentato è avvenuto tre giorni dopo l’incontro a Mogadiscio tra esponenti del Comando americano e il presidente somalo. Dopo l’incontro si sono dimessi dal governo il ministro della Difesa e il capo delle forze armate. 

Il fratello di Maryan, Yusuf Mohamed Ismail, ambasciatore somalo dell’Onu a Ginevra, fu ucciso proprio dalle milizie di Al Shabab durante l’attentato al Maka Al Mukarama Hotel, il 27 marzo del 2015. 

“Mio fratello era un politico e diplomatico somalo”, racconta la donna. “Dal 2007 si occupava di diritti umani in zone di conflitto. Stava preparando un piano nazionale per il recupero dei ragazzi che, dopo essere stati costretti ad arruolarsi con Al Shabab, abbandonavano l’organizzazione terroristica”.

“Al Shabab costringe i bambini e i ragazzi ad arruolarsi. Dà soldi alle famiglie in cambio di bambini. Alcuni di loro riescono a scappare e provano a venire in Europa, altri si piegano alla volontà dei terroristi”, prosegue Ismail. 

Secondo Maryan Ismail, molti paesi hanno interessi geopolitici in Somalia. Nel paese, ad esempio, sono state costruite diverse basi militari. Le ultime per opera del Bahrein e dalla Cina. Nel Somaliland – uno stato dell’Africa orientale non riconosciuto dalla comunità internazionale – è stata costruita una base militare del Bahrein. 

“Al Shabab ha i suoi mandanti. Nell’organizzazione terroristica ci sono anche molti foreign fighters europei, francesi, pachistani e sauditi. C’è una forte ingerenza esterna. L’organizzazione viene finanziata da tutti i paesi che ‘investono’ sul terrore, come Turchia, Qatar, Iran e Arabia Saudita. Anche Hamas e Hezbollah sostengono economicamente Al Shabab”, sostiene Maryan.

“Persino l’Eritrea sostiene Al Shabab per evitare che l’Etiopia riesca a ottenere uno sbocco sul mare”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”