Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Siria, la comandante curda delle YPJ: “Proteggeremo la nostra terra, ma abbiamo bisogno dell’aiuto della comunità internazionale” | VIDEO

Dalbr Jomma Issa, comandante delle YPJ, spiega la situazione al confine tra Siria e Turchia e rivolge un appello alla comunità internazionale

 

Siria, la comandante curda delle YPJ: “Proteggeremo la nostra terra, ma abbiamo bisogno dell’aiuto della comunità internazionale”

“Non sappiamo per quanto tempo ancora riusciremo a controllare gli oltre 12mila terroristi dell’Isis nostri prigionieri”. All’indomani dell’inizio dell’offensiva della Turchia nel nord della Siria, la comandante curda delle YPJ (Unità di Protezione delle Donne) Dalbr Jomma Issa spiega la situazione in corso nella sua regione durante una conferenza stampa presso la Camera dei deputati, insieme ad Ahmad Yousef, membro del consiglio esecutivo della federazione della Siria del Nord e Anwar Muslem, ex sindaco di Kobane.

I curdi, arrivati in Italia per una conferenza sul confederalismo democratico e poi raggiunti dalla notizia dell’attacco turco, hanno rivolto un appello alla comunità internazionale – Europa e Italia incluse – a intervenire per fermare l’avanzata della Turchia nella regione settentrionale della Siria, dove pochi mesi fa la comunità curda ha sconfitto i terroristi dell’Isis con il supporto della coalizione internazionale.

Il messaggio della comandante curda è chiaro: l’attacco della Turchia può di destabilizzare una zona già problematica del Medio Oriente, con delle conseguenze che non colpiranno solo la Federazione curda, ma anche l’Occidente. Da una parte, infatti, c’è il rischio che i 12mila jihadisti prigionieri dei curdi, tra cui 2mila foreign fighters (appartenenti a 52 paesi), ritornino in libertà. Dall’altra anche la certezza di un’intensificazione dei flussi migratori.

Manifestazione contro l’invasione turca in Siria, i curdi a TPI: “A rischio non c’è solo il Rojava, il governo italiano prenda posizione”

“I bombardamenti non sono solo opera dello stato turco”, spiega Ahmad Yousef, membro del consiglio esecutivo della federazione della Siria del Nord. “La Turchia ha portato con sé quasi 11mila jihadisti di Daesh, Al Nusra e dei Fratelli Musulmani, che insieme vogliono attraversare il Rojava, prendersi una rivincita sui curdi”.

“Se continueranno questi attacchi la popolazione inizierà a scappare”, prosegue Yousef. “Quando i jihadisti entrano in una città, specialmente se curda, iniziano a compiere un genocidio, come è successo ad Afrin. Erano quasi 700mila persone, hanno ucciso civili e per questo gran parte della popolazione è scappata, mentre chi è rimasto è stato vittima di rapimenti e violenze”.

“La domanda che poniamo alla comunità internazionale ora è questa: abbiamo sconfitto insieme l’Isis, voi siete con noi o con i jihadisti?”, si chiede Yousef.

Parla la comandante curda delle YPJ

“Per loro non importa se le persone siano civili o militari, uccidono tutti”, dice la comandante curda delle YPJ Dalbr Jomma Issa, stringendo tra le mani un telefono con le foto di vittime dei bombardamenti turchi.

“Quando qualche paese attacca la nostra terra siamo costretti a difenderci”, prosegue la comandante curda. “Come YPJ, YPG e Forze democratiche siriane abbiamo preparato tutte le nostre forze sul confine e non lasceremo che la Turchia entri in Rojava”.

“Ci sono state tante dichiarazioni da diversi paesi, ma questo non basta. Per questo invitiamo questi paesi a prendendere una nuova posizione per fermare la Turchia, non solo per condannarla, e per creare una zona cuscinetto nel nord della Siria”, aggiunge.

“Come mai un paese membro della Nato e con jihadisti può attaccare i civili, una coalizione che ha lottato contro lo Stato Islamico?”, si chiede. “Una domanda molto importante per il mondo nel XXI secolo”.

 

I curdi del Rojava a TPI: “Trump abbandona i curdi e la Turchia invade il nord della Siria. Ma così l’Isis risorgerà”
Il piccolo paese italiano che difende i curdi e sfida Erdogan
Dietro l’invasione della Siria c’è il piano di Erdogan per ricollocare un milione di profughi siriani
L’italiana che ha combattuto contro l’Isis a TPI: “Ecco perché sono andata in Siria a unirmi alle Ypj”
Zerocalcare, l’appello per i curdi del Rojava: “Hanno sconfitto l’Isis, difendono la democrazia. Non lasciamoli soli”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran, primo manifestante giustiziato dall'inizio delle proteste
Esteri / Putin rilancia l’allarme nucleare e ammette: “L’operazione in Ucraina potrebbe essere lunga”
Esteri / Caos in Perù: il Parlamento destituisce Castillo dopo il tentativo di sciogliere l’assemblea. Il presidente arrestato
Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran, primo manifestante giustiziato dall'inizio delle proteste
Esteri / Putin rilancia l’allarme nucleare e ammette: “L’operazione in Ucraina potrebbe essere lunga”
Esteri / Caos in Perù: il Parlamento destituisce Castillo dopo il tentativo di sciogliere l’assemblea. Il presidente arrestato
Esteri / Guerra in Ucraina, Putin: “La Russia è pronta a difendersi con ogni mezzo”. Cresce la minaccia nucleare
Esteri / Il Time sceglie Zelensky come “persona dell’anno” per il 2022
Economia / La Francia vieta i voli brevi: via libera dell’Ue, ma solo se c’è il treno. In Italia a rischio tre tratte
Esteri / Commissione Ue: “Riconoscere i diritti dei genitori gay in tutti i Paesi membri”
Esteri / “La Russia ‘congela’ ora la guerra per lanciare un’offensiva in primavera”: l’allarme della Nato
Esteri / Torso killer, l’assassino più spietato della storia: la confessione di altri cinque omicidi dopo 50 anni
Esteri / Germania, preparavano un colpo di Stato e il ritorno al Reich: 25 arresti