Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Nigeria, sciopero generale dei sindacati per l’aumento del prezzo della benzina

Immagine di copertina

La Nigeria vanta le maggiori riserve di greggio nel continente africano, ma ancora oggi cede gran parte del petrolio esportato sul territorio nazionale

I due principali sindacati della Nigeria hanno indetto uno sciopero generale da mercoledì 11 maggio per chiedere al governo di fare marcia indietro su un piano che prevede aumenti del prezzo della benzina fino al 67 per cento.

La scorsa settimana il governo nigeriano aveva annunciato l’intenzione di eliminare un costoso sussidio per favorire l’acquisto della benzina e aumentare il prezzo del carburante.

La Nigeria è alle prese con una delle peggiori crisi economiche degli ultimi decenni, a causa del crollo del prezzo del petrolio che ha messo in pericolo la tenuta dei conti pubblici, per la maggior parte finanziati con l’esportazione del greggio.

L’annuncio ha avuto ricadute politiche immediate perché il sussidio rappresenta per i nigeriani l’unica condizione favorevole da cui traggono realmente beneficio, in un paese che vanta le maggiori riserve di greggio nel continente africano ma che ancora oggi cede gran parte del petrolio esportato sul territorio nazionale.

Nonostante la ricchezza energetica, infatti, la Nigeria è costretta a importare benzina perché non ha raffinerie per lavorare il petrolio estratto nel suo territorio.

Lo sciopero generale avrà una durata indefinita e include anche gli aeroporti, i porti e le banche.

“Consigliamo ai cittadini nigeriani di acquistare cibo a sufficienza per affrontare uno sciopero che durerà a lungo a causa dell’agenda politica neo-liberista del governo”, hanno annunciato i sindacati in una dichiarazione congiunta.

Il governo della Nigeria aveva già provato nel 2012 a eliminare i sussidi per la benzina, ma aveva rinunciato ad applicare questa misura a causa di un’ondata di scioperi e proteste in strada.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Ti potrebbe interessare
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio