Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Iraq, il governo blocca Facebook, Twitter, Whatsapp e Telegram

Immagine di copertina
Iraq

L'utilizzo dei social media era stato già impedito all'inizio del mese, a seguito delle violente manifestazioni di protesta nel Paese

Iraq, governo blocca Facebook, Twitter, Whatsapp e Telegram

Stop ai social media in Iraq: le autorità del Paese hanno imposto un nuovo bando su Facebook, Twitter, Whatsapp e Telegram, che possono essere utilizzate soltanto tramite reti VPN. A denunciarlo è stato il giornalista del portale Al-Monitor e fondatore dell’Osservatorio iracheno sui Diritti Umani, Mustafa Saadoon.

Il governo iracheno aveva già bloccato i social media all’inizio del mese a seguito delle violente manifestazioni scoppiate contro le autorità.

Il Paese arabo è scosso da quasi un mese una serie di violente manifestazioni. Dall’inizio di ottobre, quando sono scoppiate le proteste a Baghdad e nel sud del Paese, oltre 250 manifestanti sono rimasti uccisi e migliaia sono stati feriti.

Il coprifuoco nella provincia di Diyala

Il governatore della provincia irachena di Diyala ha imposto oggi un coprifuoco di 24 ore in tutto il territorio, a seguito del lancio di due colpi di mortaio, avvenuto nella notte, contro l’edificio del consiglio provinciale. A rivelarlo è l’agenzia di stampa curdo-irachena BasNews, che cita le dichiarazioni di un portavoce della polizia di Diyala, Nihad Mohammed.

L’attacco sarebbe avvenuto intorno alle ore 23,30 ora locale di ieri, martedì 30 ottobre, e non ha provocato vittime. Il governatorato di Diyala, il cui capoluogo è Baquba, si trova nel centro-est dell’Iraq, al confine con l’Iran.

Leggi anche:

Iraq, Moqtada al-Sadr: “Senza dimissioni del premier crisi come in Siria e in Yemen”

Iraq, migliaia di persone sfidano il coprifuoco a suon di clacson e musica a tutto volume

Proteste in Iraq, uomini mascherati sparano sui manifestanti: 22 morti

Iraq, rivolta a Baghdad: l’ex Udinese Ali Adnan in piazza per aiutare i manifestanti

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane