Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“Putin è chiuso in un bunker: i video che manda sono ologrammi”. Dove si trova veramente lo Zar? Le ipotesi

Immagine di copertina
Credits: ANSA

Secondo alcune voci riportare dal Corriere della Sera Putin sarebbe nascosto in un bunker e le immagini trasmesse in questi giorni per comunicare al mondo le decisioni sulla guerra in Ucraina sarebbero fotomontaggi e “deep fake” realizzati con tecniche olografi, immagini rielaborate cambiando l’ambientazione.

La tesi alla base di queste ricostruzioni è che, se Putin ha vissuto tutto il periodo della pandemia in totale isolamento, terrorizzato dal contagio, è improbabile che ora abbia invece deciso di entrare in stretto contatto con i suoi interlocutori, come le hostess dell’Aeroflot o il premier bielorusso Lukashenko con cui si è fatto immortalare in vari filmati nelle ultime settimane. Il presidente russo Vladimir Putin non si troverebbe dunque al Cremlino o nelle sue varie residenze, ma al sicuro in un bunker per sfuggire agli attentati.

I video che usa per comunicare col mondo nei giorni tremendi della guerra in Ucraina sarebbero dunque ologrammi. “Niente lavoro al Cremlino o nella residenza presidenziale di Novo-Ogaryovo alle porte di Mosca, ma vita isolata, magari nel vecchio bunker di Stalin a Samara o in uno nuovissimo a Yamantau, sugli Urali” scrive il quotidiano riportando alcune voci sullo Zar.

I bunker a disposizione di Putin per sfuggire agli attentati che cita il Corriere della Sera sono molteplici: c’è quello di Stalin costruito durante la Seconda guerra mondiale a Samara e quello sugli Urali, al confine con la Mongolia, dove è al sicuro dal pericolo della bomba atomica. Le uniche due persone che sono sicuramente in sua compagnia sarebbero proprio i due uomini della Marina con la “valigetta nucleare”, e cioè il computer con i codici di lancio dei missili atomici.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Goldman Sachs offre ferie illimitate ai dipendenti senior per “riposarsi e ricaricarsi”
Esteri / I soldati ucraini lasciano l’acciaieria di Azovstal dopo settimane di assedio | VIDEO
Esteri / Amber Heard: “Johnny Depp mi ha quasi ucciso sull’Orient Express”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Goldman Sachs offre ferie illimitate ai dipendenti senior per “riposarsi e ricaricarsi”
Esteri / I soldati ucraini lasciano l’acciaieria di Azovstal dopo settimane di assedio | VIDEO
Esteri / Amber Heard: “Johnny Depp mi ha quasi ucciso sull’Orient Express”
Esteri / Gran Bretagna, visto speciale agli studenti laureati in Università meritevoli: atenei italiani esclusi dalla lista
Esteri / Il filosofo Galimberti: "Non bisogna umiliare Putin? Non si tratta con i dittatori"
Esteri / Musk: "Compro Twitter solo se dimostrano che i profili fake sono meno del 5%"
Esteri / Aborto Usa & getta: ecco l’eredità oscurantista di Trump
Esteri / Guerra in Ucraina, sospesi i negoziati. Svezia e Finlandia domani invieranno candidatura alla Nato
Esteri / Chi è Elisabeth Borne, la nuova premier francese nominata da Emmanuel Macron
Esteri / Il Libano verso una nuova era politica: Hezbollah perde la maggioranza