Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Guerra in Siria, Diario dal Rojava: “Nell’ospedale di Tel Tamer non abbiamo mai visto ferite così gravi”

Immagine di copertina
Immagini dell'ospedale di Tel Tamer Credit: Ansa

Il racconto del conflitto dall'inviata sul campo di TPI, Benedetta Argentieri

Guerra Turchia-curdi: diario dalla Siria – 24 ottobre

Di Benedetta Argentieri, inviata per TPI nel Rojava

All’ospedale di Tel Tamer si respira un attimo di tranquillità. Dopo due settimane di lavoro frenetico, giorno e notte, Jamila Hame ha finalmente un momento per parlare. “Solo per pochi minuti però”, insiste la donna. Indossa un golf aperto nero sopra alla divisa rossa di Heyva Sor, la Mezzaluna rossa del Kurdistan. Un’organizzazione che conta medici, paramedici e infermieri, impegnati dove nessun altro vuole andare. Hame è la co-presidente dell’associazione. Ha cominciato nove anni fa, all’inizio della rivoluzione.

“Non ho studiato medicina, ma ho avuto tanta esperienza sul campo” sorride. Nei suoi occhi si intravede la fatica di notti insonni, la preoccupazione per una nuova guerra con la Turchia che nessuno sa bene come andrà a finire, al tavolo si siedono le potenze mondiali. E la palla è passata dagli americani e la Russia. L’offensiva è cominciata il 9 ottobre scorso, e non si è mai veramente fermata. Nemmeno durante la tregua negoziata con Washington. “Nessuno ci sta aiutando, nessuno”, dice con rabbia.

Jamila Hame Credit: Benedetta Argentieri

“Quando abbiamo chiesto aiuto per aprire un corridoio umanitario tutti i partner internazionali ci hanno voltato le spalle”. Si sono ritrovati soli a dover curare centinaia di persone. Non solo soldati, ma soprattutto civili, bambini.

“In tutti questi anni non abbiamo mai visto delle ferite del genere”, e aggiunge: “Certo che è stato usato il fosforo, ma noi non abbiamo gli strumenti per provarlo”. Si attendono i risultati dei test dei campioni mandati nel Kurdistan iracheno. Quando lo dice si commuove, gioca con la penna. Caccia indietro le lacrime. “In queste due settimane ci hanno colpiti duramente. Ci hanno sparato addosso diverse volte. Due dei nostri medici sono morti, tre sono rimasti feriti gravemente. Altri quattro sono stati rapiti”.

Poi il telefono squilla, sono i colleghi di Qamishli, è scoppiata un’autobomba. Ci sono dei feriti, la situazione è incerta. Hame scuote la testa. “Dopo tutto quello che abbiamo sofferto”, sospira.

Questa nuova guerra sta provando tutti. Mai prima di oggi i curdi si sono sentiti così soli, abbandonati al loro destino, obbligati a scendere a patti con la Russia e con il regime di Assad.

Lo stesso per cui sono cominciate le proteste poi sfociate in guerra civile. Lo stesso che ha oppresso ed emarginato la popolazione curda per decenni. E che li ha spinto a costruire una terza via, un’alternativa al regime e all’opposizione. Una rivoluzione. Di una cosa Hame è certa” “Non importa che cosa succederà, la rivoluzione delle donne non verrà sconfitta così facilmente”. Il telefono squilla di nuovo, questa volta deve andare davvero.

Leggi anche:

La guerra della Turchia in Siria: il diario del 18 ottobre

La guerra della Turchia in Siria: il diario del 17 ottobre

La guerra della Turchia in Siria: il diario del 16 ottobre

La guerra della Turchia in Siria: il diario del 15 ottobre

La guerra della Turchia in Siria: il diario del 13 ottobre

Altro che difendere i curdi, Putin vuole prendersi il Medio Oriente (di Giulio Gambino)

La guerra della Turchia contro i curdi in Siria: tutta la storia in versione breve, media e lunga

Caro Pd, perché sostieni ancora l’ingresso della Turchia in Europa?

L’intervista di TPI alla deputata Pd Lia Quartapelle: “Chiederemo il ritiro del contingente Nato dalla Turchia”

Siria, parla a TPI la Ong italiana colpita dall’esercito turco: “Le bombe di Erdogan ci stanno distruggendo”

Armi alla Turchia: il governo dice nì (di Giulio Gambino)

Chi sono i curdi e perché non sono mai riusciti ad avere uno loro Stato

Tutte le ultime notizie sulla guerra in Siria

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce