Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Aumento del salario minimo e redistribuzione della ricchezza: il socialismo che vince in Portogallo

Immagine di copertina
Credit: Afp

Alle elezioni parlamentari il Partito Socialista di Antonio Costa ha ottenuto il 36,7 per cento dei voti. "A vincere è stato il modello socialista proposto da Costa, basato sulla redistribuzione delle ricchezza" ha commentato a TPI il ricercatore Goffredo Adinolfi

Elezioni in Portogallo 2019, vince il Partito Socialista di Antonio Costa

“Al Paese serve stabilità e lavoreremo per questo”, ha affermato il leader socialista Antonio Costa annunciando la sua vittoria alle elezioni parlamentari in Portogallo. Con il 100 per cento delle schede scrutinate, il Ps ha ottenuto il 36,7 per cento dei voti, seguito dal Partito socialdemocratico di centrodestra (Pds) al 28,1 per cento.

Terzo il Blocco di sinistra con il 9,6 per cento dei consensi, rincorso dalla Coalizione Democratica Unitaria che riunisce tre partiti di estrema sinistra tra cui i comunisti al 6,3 per cento, il Partito popolare al 4,2 per cento e gli ambientalisti di Pan (Persone-Animali-Natura) al 3,3 per cento.

I socialisti stra-vincono le elezioni in Portogallo: cinque spunti per la sinistra italiana

“È una grande vittoria per il Partito Socialista”, commenta a TPI Goffredo Adinolfi, ricercatore presso il CIES-IUL-Centro de Investigação e Estudos de Sociologia di Lisbona. “Un risultato scontato, come avevano previsto i sondaggi. Tuttavia, il Ps non è riuscito a ottenere la maggioranza assoluta in Parlamento. Ora, in base ai deputati che otterrà il secondo partito, si inizierà a capire l’equilibrio delle forze politiche e le possibili alleanze”. 

Il Partito Socialista governa il Portogallo dal 2015. Nelle elezioni di quattro anni fa Costa non riuscì a ottenere la maggioranza assoluta e diede prova della sua capacità strategica riuscendo a formare in Parlamento un’alleanza con due partiti di sinistra radicale. L’opposizione l’aveva ribattezza geringonça, “l’accozzaglia”, a indicare una coalizione che non sarebbe durata a lungo. Domenica, nel suo discorso per la vittoria, Costa ha affermato di voler rinnovare l’esperienza di un’alleanza con la sinistra. 

“Le coalizioni sono ancora tutte da vedere. Il Ps ha più deputati di quanti ne ha la destra: potrebbe formare un governo minoritario senza un accordo anche se è più probabile un’alleanza con il Blocco di sinistra e con il Pan”, spiega Adinolfi. “È meno certo che si arrivi a un accordo con i comunisti, che non sono usciti benissimo dalle urne e hanno ottenuto 12 seggi, cinque in meno rispetto alla scorsa tornata. In quattro anni di governo, sono stati un alleato leale ma sono essenzialmente un partito anti-europeo e sovranista”. 

La carta vincente giocata da Costa è stata l’economia. Dopo essere arrivato al potere nel 2015, il leader del Ps ha revocato alcune delle impopolari misure di austerità introdotte dal precedente governo guidato dal Psd in cambio di un salvataggio internazionale di 78 miliardi di euro che ha mantenuto a galla le finanze dopo la crisi dell’Eurozona.

Approfittando della ripresa economica globale, Costa ha invertito i tagli ai salari e alle pensioni del settore pubblico, riuscendo a ridurre il disavanzo di bilancio quasi a zero nel 2019, il livello più basso dal ritorno del Portogallo alla democrazia nel 1974. Il rapporto debito/Pil si è ridotto costantemente, passando dal 131 per cento del 2014 al 122 per cento del 2018.

La crescita del Portogallo è stata superiore alla media dell’Unione europea negli ultimi anni, passando dallo 0,19 per cento del 2014 al 2,1 per cento del 2018. Parallelamente il tasso di disoccupazione si è dimezzato a circa il 6 per cento, anche se i critici lamentano bassi salari, insicurezza del lavoro e prezzi delle proprietà in aumento con il boom del turismo.

“La politica di Costa, un’austherity di sinistra, ha premiato per un doppio motivo. In primo luogo, non ha mai sfidato l’Unione Europea e non ha spaventato i cittadini che potevano essere impauriti da una fuoriuscita dall’eurozona. Poi, all’interno delle regole dell’Ue, ha attuato una politica di redistribuzione del reddito, per esempio modificando gli scaloni dell’Irpef e potenziando il welfare”, aggiunge Adinolfi.

“In quattro anni il salario minimo delle famiglie è aumentato da 500 a 600 euro e la redistribuzione della ricchezza è stata notevole”. Nel periodo 2014-2018, il reddito dei nuclei familiari è cresciuto in media di 4mila euro. Inoltre, le disuguaglianze misurate dall’indice di Gini sono scese dal 34,5 per cento del 2014 al 32,1 per cento del 2018. 

Le urne mostrano un risultato in controtendenza rispetto al resto dell’Europa che vede i socialisti in crisi quasi ovunque, anche in Spagna dove Pedro Sanchez sta affrontando la quarta elezione in meno di quattro anni.

“Redistribuire la ricchezza è stato l’elemento distintivo del socialismo portoghese”, spiega Adinolfi. “Costa ha dimostrato di avere attenzione per il proprio elettorato. Che se si poteva, si sarebbe agito. Ha fatto sentire i cittadini protetti. Un punto che gli altri partiti socialisti nell’Unione Europea non hanno ancora capito”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Rinviati senza motivo i colloqui sui controlli agli armamenti nucleari”: l’accusa degli Usa alla Russia
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia contro il Papa: “È perversione”
Esteri / L’ambasciatrice Usa alla Nato: “Dichiarare la Russia sponsor del terrorismo potrebbe essere controproducente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Rinviati senza motivo i colloqui sui controlli agli armamenti nucleari”: l’accusa degli Usa alla Russia
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia contro il Papa: “È perversione”
Esteri / L’ambasciatrice Usa alla Nato: “Dichiarare la Russia sponsor del terrorismo potrebbe essere controproducente”
Esteri / Nasce CRO Cyber Rights Organization con sede all’Aja: ai vertici due giovani italiane
Esteri / I proiettili usati per reprimere le manifestazioni in Iran sono prodotti da un’azienda italo-francese
Esteri / Uccide il compagno con una coltellata e rivela l’omicidio su Facebook cambiando lo status in “vedova”
Esteri / “Harry aspetta un figlio dalla sua amante”: lo scoop che fa tremare il principe
Esteri / Le artiste iraniane sfidano il regime mostrandosi senza velo
Esteri / Foto hot su Onlyfans: poliziotta di Scotland Yard sospesa dal servizio
Esteri / Spagna, la destra di Vox in piazza contro Sánchez: “Governa contro il popolo, dimissioni subito”