Covid ultime 24h
casi +29.003
deceduti +822
tamponi +232.711
terapie intensive -2

Coronavirus, la proposta shock: “Infettare giovani volontari per accelerare col vaccino”

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 16 Lug. 2020 alle 18:15
80
Immagine di copertina
Un'area Covid Credits: ANSA

“L’idea è quella di infettare volontari per accelerare la ricerca di un vaccino sicuro ed efficace contro Covid-19”: un gruppo di 125 scienziati, tra cui 15 premi Nobel, hanno rilanciato questo appello destinato a far discutere, convinti che si tratti di una strada opportuna contro il Coronavirus. In altre parole, si parla di esporre al Covid-19 un gruppo di volontari che hanno prima ricevuto un vaccino sperimentale, per vedere se offre una protezione contro l’infezione.

In una lettera aperta al capo dei National Institutes of Health degli Stati Uniti, Francis Collins, il gruppo afferma che i cosiddetti “trial challenge” potrebbero accelerare lo sviluppo del vaccino contro Covid-19. Un approccio ardito dal punto di vista etico, che però secondo il direttore del programma vaccinale Covid-19 dell’Università di Oxford, dovrebbe essere “fattibile”, come riferisce la Bbc online.

Attualmente sono 23 i candidati vaccini contro il Coronavirus protagonisti di studi clinici in tutto il mondo. L’unico modo per sapere se funzionano, è vedere se un numero sufficiente di volontari vaccinati ed esposti al coronavirus nella vita quotidiana non vengono infettati. Ciò però potrebbe richiedere anche molti mesi, dato che diversi studi sono stati condotti in Paesi in cui i tassi di infezione stanno diminuendo.

L’idea è che giovani volontari sani ricevano deliberatamente il coronavirus dopo il vaccino: secondo i ricercatori i rischi per la salute di questi volontari sarebbero bassi, ma i potenziali benefici per la società enormi. “Se i challenge trial possono accelerare in modo sicuro ed efficace il processo di sviluppo del vaccino – scrive il gruppo nella lettera – allora c’è un formidabile elemento a favore del loro uso, che richiederebbe una giustificazione etica molto convincente da superare”.

La lettera a sostegno di questo tipo di studi è stata firmata, tra gli altri, dai Nobel Mario Capecchi, del Department of Human Genetics, University of Utah School of Medicine, Carol Greider della Johns Hopkins University School of Medicine e Lou Ignarro, emerito dell’Ucla School of Medicine, ma anche da Adrian Hill, direttore del Jenner Institute dell’Università di Oxford, che possiede uno dei principali prototipi di vaccino contro il Coronavirus.

Leggi anche: 1. Coronavirus, gli anticorpi non proteggono da re-infezioni: l’ipotesi dei ricercatori italiani / 2. L’allarme dell’università di Yale: “Si può avere il Coronavirus e non guarire più” / 3. “Il vaccino c’è già e funziona”. L’Europa vuole distribuirlo senza sperimentazione

4. Coronavirus, secondo Zangrillo: “L’emergenza Covid è finita da due mesi” / 5. Vaia (Spallanzani), appello ai giovani: “Vi prego, non assembratevi. Età dei contagiati più bassa” / 6. Coronavirus, Zaia: “Isolato ceppo virus serbo, è più aggressivo”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

80
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.