Coronavirus, Zaia: “Isolato ceppo virus serbo, è più aggressivo”

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 13 Lug. 2020 alle 22:14 Aggiornato il 13 Lug. 2020 alle 22:16
408
Immagine di copertina
Credit: Ansa

Zaia: “Isolato ceppo virus serbo, è più aggressivo”

“In Veneto la situazione è sotto assoluto controllo”. È quanto ha affermato il presidente della Regione Luca Zaia, oggi, lunedì 13 luglio, nel punto stampa dalla sede della protezione civile regionale. “I focolai domestici autoctoni non ci preoccupano”, prosegue il governatore Zaia, perché “il nostro ceppo di virus è meno virulento, ha una carica virale inferiore”.

“Quando sono arrivati i primi casi dalla Serbia senza dire nulla a nessuno ho fatto sequenziare il virus serbo”, racconta Zaia ringraziando l’Istituto zooprofilattico delle Venezie, che ha effettuato il sequenziamento. “Il virus serbo ha una mutazione che non conosciamo”, che è uguale in tutti e quattro i casi arrivati dalla Serbia, che avevano “una carica virale molto elevata”. Stando alle parole di Zaia il ceppo serbo sembrerebbe “ben diverso da quelli trovati in Italia e all’estero” e più virulento.

Leggi anche: 1. Coronavirus, Zaia: “Sta accadendo quello che temevo: siamo passati da rischio basso a elevato, non so a chi fare i complimenti” / 2. Zaia: “Non voglio scalare né la Lega né Palazzo Chigi” / 3. Salvini: “Sul Colle deciderà Lega-M5S. Zaia? Il leader del centrodestra sono io”

408
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.