Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Zaia: “Non voglio scalare né la Lega né Palazzo Chigi”

Immagine di copertina

Il governatore del Veneto mantiene ancora le distanze dalla politica nazionale

Zaia dice no alla guida della Lega e a Palazzo Chigi

“Non voglio dare la scalata né al mio partito né a Palazzo Chigi”. Parla così oggi Luca Zaia, il governatore del Veneto che nelle ultime settimane ha visto risalire la sua popolarità e nuovamente indicato come possibile competitor di Matteo Salvini per la leadership della Lega e come candidato premier del centrodestra.

In un’intervista a La Stampa il presidente di Regione torna a schermirsi dall’idea di un salto nella politica nazionale e minimizza sul suo elevato gradimento nei sondaggi. “Stento a credergli – afferma -, perché ha dei sondaggi buoni anche Conte e proprio non capisco come sia possibile. Finita l’emergenza Coronavirus, torneremo alla normalità e vedremo chi piace davvero alla gente. I sondaggi sono come ‘Il sabato del villaggio’ di Leopardi”. L’attesa della festa è sempre meglio della festa. E poi se le cose ti fanno bene c’è sempre qualche frustrato che ti vuole male”.

Zaia accenna anche ai temi europei e al Mes: “Da quanti mesi si parla del Mes o del Recovery Fund? Però ancora non sono stati adottati. Conte dice che passerà per la via parlamentare. Benissimo, ma così viene da pensare che le condizioni non siano né così chiare né così vantaggiose come si dice. Io, in ogni caso, non le ho ancora capite. Se fossi Conte avrei intanto fatto chiarezza sulle modalità del prestito. Se sono così buone, cosa aspetta? Credo che abbia ragione la Lega a dire che così buone non sono”.

Severo il giudizio sull’Ue: “L’Europa ha brillato solo per menefreghismo e pressapochismo. Non è stata nemmeno capace di coordinare la riapertura delle frontiere. Io sono un europeista convinto da sempre, ma un’Europa così è da rifare”.

Zaia è intervenuto anche sulla storia delle ciliegie mangiate in conferenza stampa da Salvini mentre si parlava di neonati morti. ”Gli avevo raccontato nei dettagli la tragedia prima della conferenza stampa ed era molto colpito”, ha detto il governatore veneto. “Dire che è insensibile è esagerato. Una montatura. La macchina della comunicazione esagera sempre. Per questo cerco di tenere un profilo basso ed evitare la sovraesposizione mediatica”.

Leggi anche: 1. Salvini: “Sul Colle deciderà Lega-M5S. Zaia? Il leader del centrodestra sono io” / 2. Il sindaco di Bergamo Gori (Pd): “Zingaretti? Lo stimo, ma con lui nessuna svolta. Stiamo perdendo la nostra identità”

Ti potrebbe interessare
Politica / Letta: "Con Draghi il Pd cresce e la Lega perde"
Politica / Salvini: "Ho prenotato il vaccino il 28 giugno, ma ho un processo"
Politica / Ora è ufficiale: Augusto Minzolini è il nuovo direttore del Giornale
Ti potrebbe interessare
Politica / Letta: "Con Draghi il Pd cresce e la Lega perde"
Politica / Salvini: "Ho prenotato il vaccino il 28 giugno, ma ho un processo"
Politica / Ora è ufficiale: Augusto Minzolini è il nuovo direttore del Giornale
Politica / Minacce alla libraia che si è rifiutata di vendere la biografia di Giorgia Meloni: ora è sotto protezione
Politica / Toninelli si vaccina e attacca Figliuolo. Critiche sui social
Politica / Torino, flop alle primarie del centrosinistra: meno di 12mila ai gazebo. Vince il dem Stefano Lo Russo
Politica / Il nuovo M5S di Conte: segreteria coi nominati. Doppio mandato: deroga ai "meritevoli"
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait
Opinioni / Perdere a Roma per scaricare la sconfitta sulla Meloni: il piano di Salvini per riprendersi il centrodestra