Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

Coronavirus, interrotta la sperimentazione del vaccino AstraZeneca-Oxford: “Reazione anomala”

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 9 Set. 2020 alle 11:26 Aggiornato il 9 Set. 2020 alle 12:00
29
Immagine di copertina

Coronavirus, stop alla sperimentazione del vaccino AstraZeneca-Oxford

Arriva un brutto colpo per tutti coloro che puntavano sul vaccino contro il Coronavirus prodotto dall’azienda farmaceutica AstraZeneca, in collaborazione con l’università di Oxford e l’azienda Irbm di Pomezia: la sperimentazione del siero è stata momentaneamente interrotta dopo che uno dei pazienti partecipanti al test ha registrato una seria potenziale reazione avversa. AstraZeneca ha fatto sapere che si tratta di un’azione “di routine” che scatta ogni volta che c’è una reazione inaspettata ai test, necessaria per permettere “di indagare e assicurare allo stesso tempo il mantenimento dell’integrità del processo” della sperimentazione. Ma nel frattempo, dopo l’annuncio, ha perso il 6 per cento sulla Borsa di Wall Street.

“Si è presentato un quadro clinico avverso in uno solo dei 50 mila soggetti volontari su cui il vaccino è stato testato – ha spiegato Piero di Lorenzo, amministratore delegato dell’istituto di ricerca Irbm di Pomezia – e la multinazionale ha deciso di sospendere temporaneamente la sperimentazione in nuovi soggetti mentre continua il monitoraggio degli altri volontari”. “Il nostro processo standard di revisione dei test – ha aggiunto un portavoce di AstraZeneca – ha fatto scattare una pausa nella sperimentazione. Si possono verificare per caso più ampie reazioni ma devono essere valutate indipendentemente con attenzione”.

Per il vaccino di Oxford, dopo che nei giorni scorsi si parlava di novembre come possibile orizzonte temporale per la sua distribuzione, dunque inevitabilmente i tempi si allungheranno. Solo un mese fa AstraZeneca aveva reclutato circa 30mila persone negli Usa per portare avanti il suo studio sul siero, oltre alle sperimentazioni in corso in Brasile e Sud Africa. I test iniziali avevano dato molte speranze: il vaccino, infatti, è in grado di produrre una robusta risposta immunitaria e deboli effetti collaterali. Lo stop alla sperimentazione, tuttavia, rischia di mettere a repentaglio la fiducia dei pazienti nel vaccino contro il Coronavirus, anche nel momento in cui le difficoltà di questa fase vengano brillantemente superate.

Leggi anche: 1. Coronavirus, come funziona il vaccino di Oxford / 2. Non possiamo essere ostaggio dei no-vax: rendiamo il vaccino antinfluenzale obbligatorio a scuola / 3. Putin ha inviato una dose del vaccino russo a Berlusconi

4. Covid, lo scienziato Garattini: “Accelerare sul vaccino potrebbe rivelarsi un disastro” / 5. Il direttore del Gaslini a TPI: “Tutti dovremmo fare il vaccino contro l’influenza, anche i bambini” / 6. Coronavirus, il ritorno dei No-Vax: insulti social allo Spallanzani dopo la sperimentazione del vaccino sull’uomo

29
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.