Covid ultime 24h
casi +17.012
deceduti +141
tamponi +124.686
terapie intensive +76

Cina: pena di morte per chi “diffonde intenzionalmente” il coronavirus e carcere per chi rifiuta quarantena

Pugno duro contro la diffusione del coronavirus in Cina: nello Heilongjiang, provincia di nordest, la Higher People's Court previsto addirittura la pena di morte, in base all'addebito di"minaccia alla sicurezza pubblica con mezzi pericolosi"

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 4 Feb. 2020 alle 13:34 Aggiornato il 4 Feb. 2020 alle 16:12
192
Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

Vari tribunali in Cina hanno annunciato le linee guida sull’uso della legge contro la diffusione del Coronavirus, la nuova epidemia che sta spaventando il mondo intero.

Nello Heilongjiang, provincia di nordest, la Higher People’s Court ha optato per le maniere forti prevedendo addirittura la pena di morte, in base all’addebito di”minaccia alla sicurezza pubblica con mezzi pericolosi”, che comporta appunto anche la pena capitale.

La decisione di prevedere la pena di morte che per chiunque viene scoperto a “diffondere intenzionalmente il Coronavirus” ha scatenato le ire delle comunità di dissidenti cinesi oltre che di diverse associazioni umanitarie a livello globale.

La Corte, in un avviso ripreso dal South China Morning Post, ha previsto poi che la diffusione di fake news può costare fino a 15 anni di carcere, mentre 7 gli anni di galera previsti per chi rifiuta la quarantena.

In meno di un mese il contagio dell’epidemia è arrivato a infettare 20.677 persone, di cui 20.483 solo in Cina (con 427 morti, solo due in Filippine e Hong Kong, tutti gli altri sono cinesi), il Partito Comunista di Xi Jinping ha provato a prendere misure drastiche anche per dimostrare al mondo che di Pechino ci si può ancora fidare.

L’Alta Corte di Pechino, sebbene non abbia spiegato nel merito cosa si intende per “diffusione intenzionale del Coronavirus”, ha poi sancito che combatterà con ogni mezzo il traffico di farmaci contraffatti che sta prendendo sempre più piede nei cittadini cinesi letteralmente terrorizzati dall’epidemia del virus 2019-nCov.

Nel frattempo, solo due giorni fa, è stato liberato e riabilitato il medico cinese Li Wenliang che fu il primo ad accorgersi del pericolo contagio e provò a raccontare la verità alla Cina e al mondo interno: venne arrestato per aver diffuso voci false e fake news.

Leggi anche:

Le donne che ci salvano dal virus, le donne che facciamo a pezzi: l’Italia del 2020 (di G. Gambino)

Coronavirus in Italia, psicosi razzista: “Alla larga dai cinesi!” (di G. Gambino)

Virus Cina: tutto quello che c’è da sapere sul virus cinese ed evitare la psicosi

Virus Cina, l’esperto che svelò la verità sulla SARS: “Entro 10 giorni l’apice dell’epidemia”

Virus Cina | Esclusivo TPI, video dalla Cina: mascherine usate vendute clandestinamente

Alcuni scienziati avevano simulato l’arrivo di un coronavirus e 65 milioni di morti in 18 mesi

192
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.