Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Cile, dopo le manifestazioni il presidente Piñera dice sì a un nuovo governo

Immagine di copertina

Le proteste in Cile hanno spinto il presidente Sebastian Piñera a convocare il gabinetto per far rimettere il mandato a tutti i ministri e formare un nuovo governo

Manifestazioni in Cile, il presidente Piñera dice sì a un nuovo governo

Davanti alle più grandi manifestazioni di tutta la storia del Cile, scoppiate una settimana fa contro l’aumento del prezzo del biglietto della metropolitana e diventate in poco tempo espressione del malcontento sociale dell’intero paese, il presidente cileno Sebastian Piñera ha ceduto e ha annunciato un ampio rimpasto di governo.

“Ho chiesto a tutti i ministri di rimettere il loro mandato per formare un nuovo governo – ha dichiarato il presidente durante una conferenza stampa al palazzo presidenziale della Moneda dopo la “Grande marcia” di oltre un milione di cittadini a Santiago del Cile –  per affrontare le nuove richieste e farci carico dei tempi nuovi”. Così, si riunirà nelle prossime ore il gabinetto del governo per far sì che i ministri rinuncino al loro incarico.

Proteste in Cile, tutto quello che c’è da sapere riassunto in sei punti

Ma non ci sarà solo il rimpasto di governo: “Voglio annunciare – ha continuato Piñera – che, se le circostanze lo permettono, è mia intenzione revocare tutti gli stati d’emergenza a partire dalle 24 di domenica, per contribuire a questa normalizzazione che tanto desiderano e meritano i cileni”. In seguito alle imponenti proteste, infatti, era stato imposto un coprifuoco (dalle 22 alle 7 di mattina) per la prima volta dalla dittatura di Pinochet.

Nel suo intervento, Piñera ha promesso anche il taglio dei prezzi: “Il governo – queste le sue parole – si è fatto carico del profondo messaggio che abbiamo ascoltato di tutti i cileni, per questo abbiamo proposto al Congresso una profonda agenda sociale che raccoglie molte delle lamentele più sentite dai nostri compatrioti, in modo da avanzare con urgenza e volontà verso un miglioramento delle pensioni, delle entrate dei lavoratori, verso la stabilizzazione del prezzo di servizi di base come l’elettricità, e presto vogliamo anche fare progressi sui prezzi dell’acqua e del TAG. Questa agenda sociale, che è ampia, richiede un enorme sforzo dello Stato per trovare finanziamenti e questa agenda è in pieno sviluppo, per questo chiedo caldamente al Congresso di approvare i progetti”.

Nei giorni scorsi, il popolo cileno ha risposto in massa alle proteste per il caro prezzi. Le manifestazioni, in tutto il Cile, sono state moltissime: nella Grande Marcia di venerdì a Santiago, è stata stimata un’affluenza di un milione e 270mila persone. Le proteste si sono rivolte anche contro le continue violazioni dei diritti umani compiute in questi giorni dall’Esercito e dai carabineros. Piñera aveva annunciato riforme sociali, ma le proteste non si erano placate.

“Abbiamo tutti recepito il messaggio. Siamo tutti cambiati e con l’aiuto di Dio prenderemo una strada verso un Cile che sia migliore per tutti”, ha concluso Piñera durante il suo intervento.

Cile, bambino scaraventato a terra dalla polizia dopo aver cercato di impedire l’arresto di un uomo

“Detenute cilene violentate dalla polizia”: la denuncia shock della sociologa e attivista Vergara

Proteste in Cile, uomo disarmato colpito a freddo dai militari: video choc da Santiago sotto assedio

Ti potrebbe interessare
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti