Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Cile, un milione di persone per le strade di Santiago: le impressionanti foto della protesta

Immagine di copertina

Le immagini delle proteste di venerdì 24 ottobre nella capitale cilena hanno fatto il giro dei social

Cile, un milione di persone per le strade di Santiago: le foto e il video delle proteste

Circa un milione di persone sono scese in piazza venerdì 25 ottobre a Santiago, in Cile, per protestare contro le misure d’austerità imposte dal governo: le foto delle proteste sono diventate virali.

Nel corteo che ha attraversato le strade della capitale i manifestanti hanno marciato per chilometri sventolando slogan e bandiere, usando mestoli e padelle per fare rumore e chiedere al governo riforme più eque per ridurre le disuguaglianze economiche nel Paese.

Le foto delle proteste sono diventate virali e hanno impressionato tutto il mondo. Tra chi ha mostrato la propria solidarietà nei confronti del popolo cileno che manifesta, anche l’attivista per il clima Greta Thunberg, che sul suo profilo Facebook ha postato una foto della capitale cilena invasa dai cittadini in rivolta.

“Che meravigliosa vista. Un milione di persone per le strade di Santiago. I miei pensieri vanno al popolo cileno. È orribile venire a conoscenza degli sviluppi che le proteste hanno avuto in questi ultimi giorni”, ha scritto Greta Thunberg sulla sua pagina. Il bilancio delle vittime aggiornato al 24 ottobre è di 18 morti e di oltre 2600 feriti, ma sembra destinato a crescere.

Le altre foto che hanno fatto il giro dei social in tutto il mondo sono simili a quelle condivise dall’attivista svedese, e mostrano tutta la forza della protesta organizzata dal popolo cileno a Santiago.

Le prime agitazioni in Cile sono iniziate il 7 ottobre a seguito della decisione del governo di aumentare il prezzo del biglietto della metropolitana di alcuni pesos.

L’aumento previsto era di 30 pesos, il biglietto sarebbe passato da 800 a 830 pesos cileni (da 0,98 A 1,02 euro). Dopo aver appreso la notizia studenti e semplici cittadini hanno scavalcato i tornelli all’ingresso della metro di Santiago del Cile e sono entrati senza pagare il ticket per il viaggio.

Moltissimi studenti liceali hanno inoltre rivendicato il loro gesto denunciando le pessime condizioni in cui vertono le strutture scolastiche del Paese.

Il governo ha risposto rafforzando la presenza della polizia nelle stazioni della metropolitana di Santiago e ha ordinato la repressione dei manifestanti.

La forte reazione governativa non ha fatto altro che inasprire il malcontento e con il passare dei giorni la protesta si è estesa anche ad altre città, coinvolgendo organizzazioni politiche, movimenti e sindacati.

Le prime violente proteste sono invece iniziate venerdì 18 ottobre, quando sono state incendiate cinque stazioni della metropolitana con danni fino a 700mila dollari e sono proseguite nei giorni successivi con forti repressioni da parte del governo che hanno portato alla morte di 18 manifestanti.

Il 23 ottobre a Santiago i manifestanti hanno violato il coprifuoco e sono scesi in piazza annunciando una nuova mobilitazione di due giorni.

Cile, un milione di persone per le strade di Santiago: il video

Proteste in Cile, tutto quello che c’è da sapere riassunto in sei punti

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"