Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Brunei, il sultano scrive all’Ue e difende la lapidazione per i gay

Immagine di copertina
Il sultano del Brunei Hassanal Bolkiah Credit: AFP

Il Brunei è da settimane salito agli onori della cronaca dopo l’introduzione da parte del sultano di un nuovo codice penale che prevede la condanna a morte per lapidazione per omosessuali e adulteri.

Il sultano del paese è stato fortemente criticato dalle associazioni per i diritti umani e da diverse cancellerie internazionali per le riforme introdotte e che hanno causato non pochi danni di immagine ed economici al Brunei.

Nel tentativo di minimizzare gli effetti negativi del provvedimento, il sultano ha inviato una lettere al Parlamento europeo in cui spiega che le norme sono state introdotte per “salvaguardare la sacralità della discendenza familiare e del matrimonio”.

Nella sua missiva, il capo di Stato ha anche detto che le condanne saranno poche dal momento che sono necessari almeno due uomini di “alta statura morale e fede come testimoni” e non verrà ritenuta valida alcuna forma di prova circostanziale”.

Continuando nella sua lettera all’Ue, il sultano ha anche invocato “tolleranza, rispetto e comprensione” verso il Brunei, che sta cercando di tutelare il più possibile i suoi valori tradizionali.

Il sultano ha deciso di rivolgersi agli eurodeputati dopo la loro decisione di condannare con un’apposita risoluzione il paese e l’introduzione di un “codice penale retrogrado”.

Il Parlamento ha anche invitato Bruxelles a considerare ulteriori iniziative, come il congelamento di beni, il divieto di visti e l’inserimento nella ‘lista nera’ di nove hotel proprietà dal sultano.

La vicenda – Il 3 aprile il sultano del Brunei ha introdotto nel paese un nuovo codice penale che prevede la pena di morte per lapidazione per gay e adulteri.

Le nuove regole si applicano in realtà solo ai musulmani, che rappresentano i due terzi dell’intera popolazione del sultanato.

>>Non solo Brunei: i paesi in cui gli omosessuali possono essere condannati a morte per lapidazione

La modifica del codice penale introdotto in Brunei ha causato un’ondata di indignazione a livello internazionale. Il primo a condannare apertamente la riforma è stato l’attore George Clooney, che ha invitato a boicottare gli hotel di lusso che fanno capo proprio al sultano.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”