Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Gossip

“Non date soldi a chi lapida i gay”: George Clooney chiede di boicottare il sultano del Brunei

Immagine di copertina
George Clooney. Credit: Getty Images

George Clooney si schiera contro il sultano del Brunei. La dura presa di posizione dell’attore 57enne è arrivata dopo l’approvazione del nuovo codice ispirato alla sharia, secondo cui ci sarebbe la pena della lapidazione per omosessuali e adulteri.

Clooney chiede così che vengano boicottati gli hotel di lusso che fanno capo proprio al sultano. Così l’attore in una lettera aperta a Deadline, scrive: “Il Brunei inizierà a lapidare e picchiare a morte ogni cittadino che avrà dimostrato di essere gay”. Il sultano Hassanal Bokiah, sottolinea ancora l’attore nella lettera, possiede “spettacolari alberghi” anche negli Stati Uniti, a Los Angeles.

Il Brunei introduce la lapidazione per i gay e gli adulteri

“Ogni volta che noi soggiorniamo in questi hotel mettiamo soldi in tasca a uomini che hanno scelto di lapidare a morte la propria gente per il fatto di essere gay o accusati di adulterio”, si legge ancora nella lettera scritta da Clooney.

“Vogliamo davvero contribuire a pagare per queste violazioni dei diritti umani?”, ha scritto ancora il premio Oscar. “Ho imparato negli anni che non si riesce a influenzare questi regimi assassini ma che si possono influenzare le banche, i finanziari e le istituzioni che fanno affari con loro e che preferiscono girarsi dall’altra parte”, si legge in conclusione nella lettera dell’attore.

Da mercoledì 3 aprile gay e adulteri rischiano la lapidazione nel sultanato del Brunei.

La nuova legge introdotta nel piccolo Stato islamico ha subito suscitato l’indignazione delle organizzazioni per la difesa dei diritti umani. Amnesty International ha invitato il Brunei a “fermare immediatamente” l’attuazione delle nuove pene “profondamente sbagliate e atroci”.

Ti potrebbe interessare
Gossip / Franco Oppini, la confessione hot: “Il mio segreto con Ada Alberti? Facciamo l’amore otto ore al giorno”
Gossip / Gli insulti alla moglie italiana di Morata dopo la partita contro la Spagna
Gossip / “Can Yaman furioso”, “Diletta Leotta lo trattiene”: cos’è successo davvero in Turchia | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Gossip / Franco Oppini, la confessione hot: “Il mio segreto con Ada Alberti? Facciamo l’amore otto ore al giorno”
Gossip / Gli insulti alla moglie italiana di Morata dopo la partita contro la Spagna
Gossip / “Can Yaman furioso”, “Diletta Leotta lo trattiene”: cos’è successo davvero in Turchia | VIDEO
Gossip / Massimo Boldi è di nuovo innamorato, lei ha 34 anni di meno: “Mi sfugge, si ritrae”
Gossip / Amedeo Goria e la fidanzata Vera Miales: “Facciamo l’amore 5 volte al giorno”
Gossip / La compagna del virologo Pregliasco: “Totalmente contraria al fatto che vada in tv, gli dico che è un pirla”
Gossip / Jennifer Lopez e Ben Affleck di nuovo insieme: il video del bacio
Gossip / Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin, fa coming out: “Sono bisessuale”
Costume / Kanye West e Irina Shayk stanno insieme: le foto della coppia in vacanza in Provenza
Gossip / “Me sto a sentì male”, la reazione della fidanzata di Damiano per la vittoria all’Eurovision