Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Non solo Brunei: i paesi in cui gli omosessuali possono essere condannati a morte per lapidazione

Immagine di copertina

Dal 3 aprile 2019 in Brunei è entrata in vigore la pena di morte per gay e adulteri. La legge, che era stata annunciata alla fine di marzo, prevede che gli omosessuali e gli fedifraghi vengano uccisi tramite lapidazione.

Le pene potranno essere applicate solo ai musulmani, che rappresentano i due terzi dell’intera popolazione del sultanato.

Il Brunei però non è l’unico paese al mondo in cui omosessualità e adulterio sono puniti con la lapidazione: altri sei Stati è prevista la pena di morte per questo particolare “reato”.

Curiosità: sono tutti membri delle Nazioni unite.

Tre dei paesi in cui omosessualità e tradimento sono puniti con la lapidazione si trovano in Asia e sono Iran, Arabia Saudita e Yemen. Altri tre sono in Africa, ossia Nigeria, Sudan e Somalia.

In realtà la lapidazione può essere richiesta anche in Mauritania, Emirati Arabi, Qatar, Afghanistan e Pakistan.

Da aprile 2019 alla lista si è aggiunto anche il Burnei, che ha introdotto delle pene ancora più severe di quelle previste dalla sharia e che colpiscono peccati come omosessualità, stupro, furto e omicidio.

Per essere condannato alla lapidazione, è necessaria una confessione o la testimonianza di almeno quattro uomini adulti musulmani.

Punizioni corporali per gli omosessuali sono invece applicate sulla base della sharia in Arabia Saudita, dove il “colpevole” è condannato a ricevere centinaia di frustate.

Anche in Somalia le punizioni corporali sono spesso usate contro le donne adultere, con i miliziani di Al Shaabab che sono invece soliti ricorrere alla lapidazione.

In questo quadro si inseriscono poi i paesi, ancora più numerosi, in cui l’omosessualità è considerata illegale e che può essere punita con l’ergastolo.

In Nigeria, Uganda, Camerun, Liberia, Malesia, Singapore, Sri Lanka, Turkmenistan, Uzbekistan e Russia avere un orientamento sessuale “sbagliato” può comportare multe e anni di carcere.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI