Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Brexit, l’Alta Corte britannica dà ragione a Johnson: la sospensione del parlamento è legale

Immagine di copertina

La decisione del premier di chiudere il parlamento non è contro la legge secondo i giudici

Brexit, Alta Corte britannica: sospensione parlamento è legale

La sospensione del parlamento britannico, voluta dal premier Boris Johnson per imporre una Brexit senza mediazioni, è legale: lo ha stabilito l’Alta Corte.

I giudici, dunque, hanno confermato che la sospensione di 5 settimane è legittima, respingendo il ricorso presentato dagli avvocati dell’attivista Gina Miller con il sostegno di politici pro Remain di vari partiti incluso l’ex premier John Major.

Un primo ricorso di alcuni militanti anti Brexit era già stato respinto in Scozia lo scorso 30 agosto.

Il caso, ora, passerà alla Corte Suprema per un ulteriore passaggio.

La notizia della chiusura del parlamento britannico, che ha scatenato diverse proteste nel paese oltre che un vero e proprio terremoto politico con il premier Johnson che ha perso la sua maggioranza, risale allo scorso 29 agosto.

Brexit: il premier Boris Johnson chiude il Parlamento fino al 14 ottobre. Insorgono le opposizioni

Johnson ha chiesto alla regina, la quale ha successivamente approvato la richiesta, di sospendere il Parlamento pochi giorni dopo il rientro dei parlamentari dalla pausa estiva. Il premier, dunque, ha chiesto, e ottenuto, che il parlamento riapriresse il 15 ottobre, appena pochi giorni prima della scadenza della Brexit, fissata per il 31 ottobre.

Obiettivo di Johnson era quello di impedire ai parlamentari di bloccare il “no deal”, ovvero un’uscita della Gran Bretagna dalla Ue senza un accordo con la comunità Europea.

Tuttavia, nella giornata del 4 agosto, la Camera dei Comuni ha approvato una legge anti “no deal”iniziativa promossa dalle opposizioni e da un gruppo di ribelli Tory (ora espulsi) per imporre un rinvio della Brexit in mancanza di un accordo con l’Unione europea entro il 31 ottobre.

Questo ha convinto il premier a presentare una mozione che chiede lo scioglimento della Camera e lo svolgimento di elezioni anticipate il 15 ottobre.

Boris Johnson, la sospensione del Parlamento e la strategia dell’acqua alla gola sulla Brexit

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Esteri / La morte di George Floyd e la pandemia da Covid-19: le storie che hanno vinto i premi Pulitzer del 2021
Esteri / L’Iran espelle una suora italiana
Esteri / Tensione fra Italia ed Emirati Arabi: a rischio la base strategica in Medio Oriente
Esteri / Perù: procuratore chiede l’arresto di Keiko Fujimori, candidata della destra alle recenti elezioni
Esteri / Putin protesta, l'Uefa ordina all'Ucraina di cambiare la maglia "politica"
Esteri / Usa, una canna di marijuana gratis a chi si fa il vaccino anti-Covid