Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Australia, forze speciali accusate di aver commesso 39 omicidi in Afghanistan

Immagine di copertina
Credits: EPA/MICK TASIKAS

Australia, forze speciali accusate di aver commesso 39 omicidi in Afghanistan

In Australia le forze speciali sono finite nell’occhio del ciclone per la missione in Afghanistan condotta tra il 2005 e il 2016: secondo le accuse, infatti, i militari sono responsabili di 39 omicidi tra prigionieri e civili, oltre che di 36 incidenti e del trattamento crudele di altre due persone. A far partire l’inchiesta l’Ispettore generale delle Forze di difesa australiane, che per quasi cinque anni ha raccolto materiale su un totale di 19 militari. Le conclusioni delle indagini – che hanno visto il coinvolgimento di 423 testimoni e l’analisi di 20mila documenti e 25mila immagini – sono state presentate dal capo delle forze Angus Campbell: la raccomandazione nei confronti della polizia federale è che i 19 soldati in questione vengano investigati perché si appurino le loro responsabilità.

Al momento, dunque, il rapporto dell’Ispettore generale delle forze speciali dell’Australia rimane pesantemente secretato: non si conoscono i nomi dei militari sotto inchiesta, né si ha una descrizione degli incidenti in cui sono stati coinvolti. Campbell, nell’annunciare le indagini, ha chiesto scusa al popolo afghano “per ogni crimine commesso da soldati australiani”. Secondo quanto è emerso, ai soldati più giovani veniva spesso ordinato dal comandante di pattuglia di ammazzare prigionieri per fare la prima uccisione, una pratica conosciuta come blooding. Alcuni dei militari australiani, inoltre, portavano con sé armi, radio e granate non di ordinanza, da piazzare vicino ai corpi di civili uccisi per suggerire che fossero un “obiettivo legittimo” in eventuali indagini sull’incidente.

Leggi anche: 1. Australia, scoperta un’enorme barriera corallina: è più alta dell’Empire State Building / 2. Australia, strage di balene in Tasmania: 380 morte spiaggiate / 3. Australia, surfista salva la moglie da uno squalo prendendolo a pugni / 4. In Australia è in vendita un’isola da sogno: l’ex proprietario la vinse a poker / 5. Australia, è nato il primo koala dopo gli incendi: benvenuto “Cenere”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron