Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Da Kabul all’Italia, l’attivista Rahel Saya a TPI: “Sono salva, non riesco a crederci”

Immagine di copertina
Rahel Saya

L'attivista Rahel Saya è scappata da Kabul ed è al sicuro in Italia. Aveva criticato i talebani su media nazionali ed internazionali, ora è salva anche grazie a TPI

“Sono entrata in aeroporto. Ce l’ho fatta”. Con queste parole Rahel Saya, l’attivista intervistata nel 2020 da TPI, mi ha scritto alle 5 del mattino di mercoledì. Dopo 16 lunghissime ore di fronte ai controlli dei talebani, dopo aver sentito spari e poco prima che esplodessero le bombe dell’Isis-K, Rahel è riuscita a compiere il primo passo per la sua fuga, l’unica opzione possibile per evitare una morte certa. Rahel aveva criticato i talebani su media nazionali ed internazionali, studentessa poco più che ventenne, collaboratrice di Voice of America e Andisha Tv, Rahel Saya è una promessa del giornalismo. “Il mio sogno è continuare la carriera nel giornalismo e diventare una presentatrice tv” mi racconta.

La fuga dall’Afghanistan per persone come Rahel è una lotteria contro il tempo e una sfida alla burocrazia e alla complessità. Prepariamo insieme il visto per l’India, appena l’India annuncia i visti di emergenza per gli afghani, ma è un buco nell’acqua. Scrivo a suo nome all’ambasciata francese, spagnola, albanese, tedesca. Ma non arrivano risposte. Rahel però ha collaborato con l’Italia, è stata fonte per TPI e per questa ragione ha diritto all’asilo.

L’Ambasciata italiana a Kabul è difficilissima da raggiungere, manca il personale, troppe richieste. Chi come Rahela ha diritto all’ingresso in Italia può contare su una rete di contatti e spesso ha più fortuna di altri. Non esiste al momento un form online per richiedere il visto, gli afghani collaboratori del Paese scrivono ad amici, politici, rappresentanti diplomatici. Si incrociano sulle chat di Whatsapp le localizzazioni del “gate”, i numeri dei taxi di fiducia, i messaggi di incoraggiamento: resisti.

Dall’altra parte, in Italia, giornalisti, attivisti, professori, cittadini, in contatto con afghani richiedenti asilo, preparano i documenti. Ho raccolto e catalogato oltre venti richieste per un totale di circa cinquanta persone. Passaporti, documenti, biografie, richieste di aiuto: tutte persone fortemente a rischio di ritorsione politica. Chi ha collaborato con l’Italia ha avuto un canale prioritario, ma alcune di queste persone sono ancora oggi a Kabul, bloccate dall’impossibilità di accesso all’aeroporto.

“Hanno verificato i nostri passaporti e ci hanno fatti salire sul primo aereo disponibile. Siamo arrivati in Tajikistan, poi in Germania e poi a Roma. Ci hanno fatto diversi Covid-test”, racconta la giovane attivista e giornalista. Rahel è preoccupata per la famiglia “spero di poterli sentire, di avere internet, di poter dire loro che sto bene anche quando sarò in Italia”. La rassicuro, dopotutto è stato il tormentone di molti politici quello delle “sim gratis agli immigrati”, perché chi lotta contro l’umanità non considera nemmeno il conforto che può dare una telefonata alla propria famiglia.

“Adesso ci trasferiscono in un hotel, poi arriverò da te” mi dice. Rahel verrà alloggiata in un comune della provincia di Genova che sta preparando un alloggio per lei e le sue due sorelle. 50 metri quadri, con un piccolo giardino sul mare: un conforto psicologico e fisico per chi ha vissuto gli orrori dell’estremismo islamico.

Tanta la stanchezza: Rahel non ha dormito per giorni, ha attraversato un continente, e non aveva mai preso un aereo prima d’ora. “Non vedo l’ora di ricominciare in Italia, imparerò meglio l’inglese e anche l’italiano. Voglio vivere qui, con le mie sorelle. Grazie”. Non ha altre parole, ma forse, nemmeno servono.

Leggi anche: “La pace in Afghanistan? Oggi è peggio di prima e per le donne è ancora un inferno”: parla l’attivista Rahel Saya

Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico