Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

Attentato a Londra: chi era Usman Khan, il terrorista del London Bridge

L'uomo, 28 anni, origini pakistane, ha accoltellato a morte 2 persone, prima di essere a sua volta ucciso dalla polizia. Era in libertà vigilata dopo 6 anni di carcere per terrorismo

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 30 Nov. 2019 alle 08:19 Aggiornato il 1 Dic. 2019 alle 07:32
604
Immagine di copertina
Usman Khan, 28 anni, autore dell'attentato sul London Bridge

Attentato a Londra: chi era Usman Khan, il terrorista del London Bridge

L’autore dell’attentato a Londra si chiamava Usman Khan. Di origini pakistane, aveva 28 anni ed era stato condannato per terrorismo. Nel 2018 era stato rilasciato in libertà vigilata dopo aver scontato sei anni di carcere.

Ieri, venerdì 29 novembre, l’uomo con indosso una finta cintura esplosiva ha accoltellato alcune persone nella zona del London Bridge, uccidendone 2, prima di essere a sua volta ucciso con un colpo di pistola dalla polizia. L’antiterrorismo britannica afferma che la polizia non sta attivamente cercando altri sospetti.

Londra, l’Isis ha rivendicato l’attentato a London Bridge. Identificata una delle due vittime

Usman Khan era legato a gruppi terroristici di matrice islamica. Era stato condannato nel 2012 e rilasciato a dicembre 2018 “su licenza”, il che significa che avrebbe dovuto soddisfare determinate condizioni oppure sarebbe tornato in carcere. Diversi media britannici hanno riferito che indossava un braccialetto elettronico alla caviglia.

Secondo quanto riferisce il quotidiano Times, ieri, prima di compiere l’attentato, il killer aveva partecipato a un evento a Londra ospitato da Learning Together, un’organizzazione con sede a Cambridge che lavora nell’istruzione dei carcerati. In particolare, Khan aveva preso parte a una conferenza sulla riabilitazione dei detenuti alla Fishmongers’ Hall, non lontano dal London Bridge. Avrebbe minacciato di far saltare in aria l’edificio e poi si sarebbe allontanato di corsa.

Come riferito dal Site, sito di monitoraggio della galassia jihadista, l’Isis ha rivendicato l’attacco a Londra. Site ha spiegato che che report dello Stato islamico definiscono l’aggressore del London Bridge un suo “combattente”.

Leggi anche:

Attentato a Londra: la ricostruzione per punti

L’Aja, attacco con coltello in strada: tre minorenni feriti, l’aggressore in fuga

Due attentati in Europa: Londra e L’Aja nel mirino. 3 morti e 11 feriti

Tutto in Siria era già scritto: i due attentati a Londra e L’Aja fanno ripiombare l’Europa nel terrore (di Benedetta Argentieri, inviata di TPI in Siria)

Torna il terrore degli attentati in Europa. E mentre Erdogan fa la guerra ai curdi, l’Isis recupera nuova linfa (di Giulio Gambino)

Altro che difendere i curdi, Putin vuole prendersi il Medio Oriente (di Giulio Gambino)

Focus terrorismo: A che punto è la guerra al terrorismo lanciata da Bush? 

L’ascesa della Russia di Putin non passa solo dalla Siria 

604
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.