Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Tutto in Siria era già scritto: i due attentati a Londra e L’Aja fanno ripiombare l’Europa nel terrore

Immagine di copertina

“Ma che cosa vi aspettavate?”. È questa la prima reazione delle persone nel nord est della Siria alla notizia dell’attentato a Londra, seguito dall’attacco a L’Aja. Non c’è nessuna sorpresa, anzi. Il terrore è tornato in Europa, ma qui tutti sapevano che sarebbe successo. In molti l’avevano predetto fin dai primi giorni dell’inizio di questa nuova ondata di guerra. D’altronde l’invasione turca cominciata il 9 ottobre non ha fatto altro che rinvigorire gli animi dell’Islam radicale.

A causa dell’invasione, il focus delle FDS – Forze Democratiche Siriane, si è spostato dal combattere lo Stato Islamico, ancora ideologicamente molto forte in molte zone della Siria e dell’Iraq, a quello di difendersi dai turchi e le sue milizie. In questo caos ISIS ha trovato una nuova linfa.

I turchi hanno attaccato le prigioni come ad esempio a Qamishli e ad Ain Issa, facendo scappare centinaia di miliziani. Gli attentati terroristici nelle città hanno avuto un aumento del 300 per cento in un solo mese. Centinaia i morti. Autobombe, mine, omicidi mirati. La lista è lunga, come se non bastasse la guerra. In più il 27 ottobre in un raid notturno, gli Stati Uniti con l’appoggio delle FDS, hanno ucciso il leader di ISIS Abu Bakr al Baghdadi. Nei giorni seguenti altri azioni militari hanno decapitato la leadership del Califfato.

“Ci vendicheremo”, aveva detto una donna nel campo di Al-Hol dove sono prigioniere migliaia di persone affiliate a Daesh. E la vendetta non è tardata ad arrivare. Ma le reazioni qui nel Nord Est della Siria sono tiepide. Certo c’è vicinanza e simpatia. Ma qui ogni giorno si muore o per mano di ISIS o per mano dei turchi. Le immagini del ponte di Londra e dell’attacco a L’Aja scorrono anche sui telegiornali delle televisioni locali ma tutti i servizi di apertura rimandano agli scontri di oggi ad Ain Issa e i nuovi raid dei droni turchi. In alcuni si potrebbe trovare anche un po’ di risentimento. Alla fine i curdi e la popolazione locale si è sentita abbandonata dall’Europa dopo il voltafaccia di Donald Trump che ha lasciato campo libero al presidente turco Recep Erdogan. Da quel momento tutti sapevano che il terrore sarebbe tornato sia qui sia in Europa.

Leggi anche:

Guerra in Siria, la capitale curda oggi è una città fantasma e i turchi hanno lasciato fuggire i miliziani dell’Isis

Siria, diario dal Rojava: le donne di Raqqa sfilano contro la violenza nel ricordo di Hevrin Khalaf

Guerra Turchia curdi, Diario dal Rojava: Lina Abdel Wahab, l’ennesima donna curda presa di mira in Siria, è scampata alla morte

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza