Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Attacco a Parigi, 18enne pachistano confessa: ha agito contro Charlie Hebdo per le caricature su Maometto

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 26 Set. 2020 alle 13:06 Aggiornato il 26 Set. 2020 alle 13:11
43
Immagine di copertina
Credit: ansa foto

Il 18enne pachistano principale sospettato dell’attacco all’arma bianca che ha causato due feriti nei pressi dell’ex redazione di Charlie Hebdo a Parigi, si è “assunto la responsabilità” della sua azione, legandola alla ripubblicazione delle caricature di Maometto decisa dal giornale satirico in concomitanza con l’inizio del processo per l’attentato del 2015. Lo riferiscono fonti vicine alle indagini.

Il ragazzo era arrivato in Francia tre anni fa come “minore non accompagnato”. Lo ha riferito BfmTv. Secondo Le Monde, nell’interrogatorio il giovane ha riconosciuto “una dimensione politica del suo gesto” anche se non parla bene né il francese né l’inglese. Ma in sostanza, aggiunge il quotidiano, il 18enne ha spiegato che il suo atto è stato deliberato e ponderato.

Il 18enne era stato fermato insieme a un’altra persona stesso nella mattina di ieri, 25 settembre. Il ragazzo aveva attaccato con un machete alcune persone nell’undicesimo arrondissement di Parigi – teatro, il 7 gennaio 2015, di una strage dove morirono 12 persone – ferendo due collaboratori della società di produzione di inchieste giornalistiche televisive Premières Lignes.(qui cosa sappiamo finora). Il secondo

La polizia ha perquisito due presunte abitazioni del 18enne autore dell’attacco alla periferia di Parigi, una a Cergy e l’altra a Pantin. Nella seconda sono stati fermate le cinque persone, nate tra il 1983 e secondo quanto trapelato di origine pachistana.

43
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.