Covid ultime 24h
casi +10.593
deceduti +541
tamponi +257.034
terapie intensive -49

Stati Uniti, apre la prima banca Lgbt che favorisce i prestiti alle coppie gay e le operazioni per cambiare sesso

Di Madi Ferrucci
Pubblicato il 12 Set. 2019 alle 14:02 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 14:06
16
Immagine di copertina
Gay Pride di New York, 29 giugno 2019 Credits: Erin Lefevre/NurPhoto/AFP

Stati Uniti, apre la prima banca lgbt

Il 9 settembre le autorità di vigilanza bancaria dello stato del Michigan, negli Stati Uniti, hanno approvato l’apertura di una nuova banca pensata “su misura” per clienti Lgbt. Il nuovo istituto di credito si chiama Superbia Credit Union ed entrerà in attività nei prossimi mesi.

Uno studio della Iowa State University pubblicato ad aprile scorso ha infatti dimostrato che statisticamente le persone omosessuali hanno il 73 per cento di probabilità in meno di ricevere un mutuo in banca e spesso pagano interessi maggiori rispetto ai clienti eterosessuali (con una maggiorazione che può variare dallo 0,02 fino allo 0,2 per cento). Uno degli autori della ricerca Lei Gao ha dichiarato a NBC News che questo tipo di comportamento degli istituti di credito relativo ai prestiti potrebbe rappresentare “solo la punta dell’iceberg di un sistema di discriminazione”.

La nuova Banca fondata da Myles Meyers favorirà i prestiti alle coppie gay e sosterrà anche le spese degli interventi chirurgici di chi decide di cambiare sesso o di sottoporsi ad altre operazioni di chirurgia estetica.

“Se mi recassi in banca da solo a chiedere un prestito o ad aprire un conto, francamente non credo che avrei alcun problema. Ma se entrassi nella stessa banca con mio marito o con il mio compagno potrei avere un accoglienza diversa e anche una diversa risposta alla richiesta di ricevere un prestito. Tutto questo adesso cambierà”, ha dichiarato Meyers all’agenzia Bloomberg.

In aggiunta ai servizi di prestito la banca ha in programma di ampliare la propria offerta con nuovi prodotti come assicurazioni sanitarie ad hoc per clienti Lgbt.

Usa, niente visto per i partner gay di diplomatici e dipendenti Onu

Un’ondata di leggi anti-gay nel sud degli Stati Uniti

“Il gene gay non esiste, l’omosessualità non si spiega con la genetica”: lo studio internazionale

16
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.