Me

“Il gene gay non esiste, l’omosessualità non si spiega con la genetica”: lo studio internazionale

Di Madi Ferrucci
Pubblicato il 29 Ago. 2019 alle 21:25 Aggiornato il 29 Ago. 2019 alle 21:33
Immagine di copertina

“Il gene gay non esiste”: lo studio internazionale

Non esiste un singolo “gene gay” che determina l’orientamento sessuale di una persona, l’omosessualità è piuttosto il frutto di un complesso intreccio tra fattori genetici e ambientali. È questa la conclusione di uno studio internazionale pubblicato il 29 agosto sulla rivista scientifica Journal Science.

I ricercatori hanno analizzato una casistica di oltre 470mila persone attraverso i dati della Uk Biobank e della società privata californiana 23andMe, che sono stati rilasciati da cittadini degli Stati Uniti, del Regno Unito e della Svezia. Secondo la ricerca ci sono in realtà più geni che possono essere connessi all’orientamento sessuale ma risulta impossibile stabilire quali siano precisamente quelli connessi all’omosessualità. I geni non determinano meccanicamente la sessualità, sebbene giochino comunque un ruolo nella formazione dell’orientamento sessuale.

Il ricercatore a capo dello studio è l’italiano Andrea Ganna, docente ad Harvard e all’università del Massachussets. “Lo studio conferma il fatto che l’omosessualità non sia altro che una delle tante varianti naturali che caratterizzano la nostra specie”, ha dichiarato Ganna.

I ricercatori hanno individuato cinque varianti genetiche statisticamente legate all’omosessualità ma alla fine dello studio nessuna di queste si è rivelata necessariamente connessa alla possibilità di avere un’attrazione verso lo stesso sesso.

Lo studio costituisce una delle più ampie ricerche esistenti al mondo sul tema ed Eric Vilain, direttore del Center for Genetic Medicine Research del Michigan ha affermato che la scoperta sancisce definitivamente la fine del concetto semplicistico del “gene gay”. ” La ricerca dimostra dunque che l’omosessualità non può essere associata a un unico fattore e che la genetica non riesce a spiegarla completamente.

I tentativi di suicidio tra i giovani americani sono diminuiti da quando è legale il matrimonio gay