Regno Unito, 47enne uccide la madre e la decapita: la testa della donna ritrovata nel congelatore

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 2 Set. 2020 alle 08:05
13
Immagine di copertina

47enne uccide la madre e la decapita: la testa ritrovata nel congelatore

Uccide la madre e la decapita mettendo la testa della donna nel congelatore della cucina: è quanto avvenuto nel Regno Unito nel dicembre 2019. La vicenda è tornata alla ribalta della cronaca in questi giorni in occasione dell’inizio del processo a carico del 47enne Philip Tarver, figlio della vittima nonché autore dell’omicidio. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il giorno del delitto, l’uomo si è recato nell’appartamento dove vivevano i suoi genitori a Woking, nel Surrey, ed ha ucciso la madre 86enne con una spada ornamentale. Poi, l’uomo ha affrontato il padre, il quale, però, è riuscito a disarmarlo e a immobilizzarlo chiamando così la polizia.

Quando gli agenti sono arrivati sul luogo del delitto hanno trovato il cadavere della povera donna sul pavimento della cucina e la sua testa nel congelatore. Il suo anulare sinistro, inoltre, era stato tagliato e messo nel bollitore dal figlio. Secondo quanto ricostruito, l’uomo, che abitava nell’appartamento superiore a quello dei suoi genitori, ha bevuto una bottiglia di vodka e sei birre la notte prima dell’omicidio. Prima di compiere l’orrendo crimine, l’uomo ha indossato una vestaglia da notte da donna. Una volta arrestato, il 47enne si è detto dispiaciuto per “averla uccisa” affermando anche che la sua birra fosse stata avvelenata. Poi, però, l’assassino ha cambiato versione negando qualsiasi responsabilità nel delitto.

Leggi anche: 1. Russia, sorelle di 3 e 10 anni lo accusano di molestie: 48enne stuprato e ucciso su ordine dei genitori. Ma le bambine avevano inventato tutto / 2. Svezia, due 16enni violentati e seppelliti vivi in un cimitero: “Si sono rifiutati di comprare droga” / 3. Bambina rimane incastrata ad un aquilone gigante: il video incredibile

13
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.