Covid ultime 24h
casi +21.994
deceduti +221
tamponi +174.398
terapie intensive +127

Reddito di cittadinanza, le notizie del 6 ottobre 2019

Tutte le ultime notizie sul sussidio

Di Marco Nepi
Pubblicato il 6 Ott. 2019 alle 07:37 Aggiornato il 6 Ott. 2019 alle 07:46
598
Immagine di copertina

Reddito di cittadinanza news di oggi 5 ottobre 2019

In questo articolo di TPI tutte le ultime notizie sul reddito di cittadinanza. Di seguito, abbiamo pubblicato tutte le news di oggi, domenica 6 ottobre 2019, con aggiornamenti in tempo reale sul sussidio rilasciato dall’Inps.

Reddito di cittadinanza | “Sussidio anche ai senzatetto”: la proposta di Conte

Fa discutere la proposta del premier Giuseppe Conte sul reddito di cittadinanza. “L’anno scorso abbiamo varato il reddito di cittadinanza. Adesso, faremo ancora di più, affiancandoci l’Inps – annuncia – Abbiamo elaborato un progetto: andremo in sei città dove ci sono 50mila persone senza tetto che non usufruiscono del reddito di cittadinanza pur avendone diritto. Sono persone invisibili, le vogliamo rendere visibili”.

Reddito di cittadinanza | Governo e forze politiche chiedono miglioramenti

Sul reddito di cittadinanza, il coro di istituzioni e parti politiche è unanime: c’è, ma va migliorato. Il primo ad affermarlo è il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri: “L’Italia non aveva una misura di sostegno alla povertà, è giusto che ce l’abbia. Noi dobbiamo farlo funzionare meglio, non dobbiamo smontarlo e fare un’altra cosa”. E ha aggiunto: “Dobbiamo lavorare su una logica triennale, abbiamo questo strumento e facciamolo funzionare bene, soprattutto per quanto riguarda l’avviamento al lavoro”.

Concorde anche il leader di Italia Viva Matteo Renzi: “Ora c’è e non si può tornare indietro perchè i Cinque Stelle sono al governo. Ma tutti assieme incentiviamo i controlli su chi usa il reddito in modo scorretto”. Il timore dell’ex premier Pd è che “questa misura non aiuti a trovare lavoro ma garantisca un sussidio a chi sta sul divano”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini. “Il reddito di cittadinanza è uno strumento che doveva servire a combattere la povertà, a migliorare il livello di inclusione sociale, ma bisogna verificare se è cosi, secondo noi va migliorato”

Reddito di cittadinanza | Perché il pagamento di ottobre potrebbe arrivare in ritardo

Il pagamento del reddito di cittadinanza di ottobre potrebbe arrivare in ritardo, o subire addirittura una sospensione, se i beneficiari non faranno l’integrazione dei moduli così come richiesto da Inps per aggiornamenti dei requisiti. E bisogna farlo entro il 21 ottobre.

La richiesta deriva dal fatto che le prime domande di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza sono state presentate, a partire dal 6 marzo 2019, utilizzando un modello che è stato successivamente cambiato, il 2 aprile 2019, con le modifiche apportate dalla legge di conversione del decreto legge istitutivo.

La richiesta di aggiornamenti per il reddito di cittadinanza, quindi, riguarda esclusivamente chi ha fatto domanda nel mese di marzo 2019.

Dal 4 ottobre i percettori di Reddito o Pensione di cittadinanza che hanno presentato la domanda nel mese di marzo possono integrarla, così da poter continuare a beneficiarne.

Reddito di cittadinanza | Necessaria integrazione e aggiornamenti dei moduli

Dal 4 ottobre, i percettori di Reddito o Pensione di cittadinanza che hanno presentato la domanda nel mese di marzo 2019 dovranno procedere all’integrazione e aggiornamenti dei moduli, così da poter continuare a beneficiarne. Lo spiega l’Inps.

Al momento della presentazione della domanda, a partire dal 6 marzo 2019, i richiedenti utilizzavano un modello che è stato successivamente cambiato, il 2 aprile 2019, a seguito delle modifiche apportate dalla legge di conversione del decreto legge.

Scade, quindi, dopo 6 mesi il regime transitorio di salvaguardia delle richieste presentate prima della sua entrata in vigore.

“Solo per le domande aggiornate fino al 21 ottobre – aggiunge Inps – sarà possibile l’elaborazione nei tempi utili per la liquidazione della rata di Rdc o Pdc spettante per la mensilità di ottobre. Per chi effettuerà l’aggiornamento dopo il 21 ottobre, la prestazione resterà sospesa sino all’acquisizione della dichiarazione”.

Reddito di cittadinanza news | Il Def ci dice quanto costa

Reddito e pensione di cittadinanza costeranno nel 2019 4,2 miliardi, cui si aggiungono 550 milioni per il pagamento del Rei a chi ne è ancora beneficiario. È quanto si legge nella nota di aggiornamento al Def, approvata dal governo Conte prima della legge di bilancio. I risparmi ammonterebbero quindi a circa 1,1 miliardi, dato che lo stanziamento per l’anno in corso ammontava in totale a 5,894 miliardi. Raddoppia, rispetto alle stime, la spesa per il Rei (si prevedevano, nella relazione tecnica al Decretone, pagamenti per 274 milioni).

Reddito di cittadinanza news | Per cosa si può usare

La ricarica del reddito di cittadinanza, che arriva ogni mese attorno al giorno 27 e che a ottobre potrebbe arrivare in ritardo, serve, tra le altre cose anche per pagare le bollette. E, proprio da ottobre, sono previsti dei rincari delle bollette di luce e gas. L’elettricità subirà un rincaro del 2,6 per cento e il metano del 3,9 per cento. Secondo gli ultimi dati, le famiglie italiane spenderanno nel 2019 559 euro per l’elettricità e circa 1.107 euro per quella del gas.

Come dicevamo, è possibile per i beneficiari del reddito usare la card per pagare le utenze.

Per quanto riguarda il prelievo, esso può essere consentito fino ad un massimo di 100 euro. Tale importo massimale, però, va ad aumentare sulla base del numero e della tipologia dei componenti il nucleo familiare: moltiplicando l’importo per la scala di equivalenza, quindi, si può arrivare fino ad un massimo prelevabile di 210 euro al mese.

Reddito di cittadinanza news | Le cose da sapere

Reddito di cittadinanza ultime notizie e tutto quello che c’è da sapere. In questo articolo abbiamo spiegato le regole della carta e quali sono gli acquisti consentiti e quelli vietati. In questo articolo, invece, abbiamo spiegato in che modo è possibile visualizzare il saldo della Rdc Card: ricordiamo che i soldi del sussidio devono essere spesi entro entro il mese successivo a quello di erogazione o l’importo subirà una decurtazione del 20 per cento.

Per tutti i dettagli sui requisiti, come anche sulla card, i pagamenti e le modalità per presentare domanda, ecco di seguito una serie di link utili:

🔴 TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU ECONOMIA

598
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.