Covid ultime 24h
casi +13.114
deceduti +246
tamponi +170.633
terapie intensive +58

“Vietato ammalarsi”: l’ordinanza del comune sardo dove non ci sono più medici di base

È successo a Oniferi, in provincia di Nuoro. Si tratta di una provocazione della sindaca Piras per protestare contro la mancanza di assistenza medica

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 2 Feb. 2021 alle 13:25
44
Immagine di copertina

Il comune di Oniferi, un paese di circa 900 abitanti  in provincia di Nuoro, in Sardegna, ha pubblicato un’ordinanza per protestare contro la mancata assistenza medica nella città. Nel testo si legge: “È fatto assoluto divieto ai cittadini oniferesi di ammalarsi, di avere necessità di cure e farmaci, di contrarre il virus Covid-19”. 

Ovviamente quella della sindaca Stefania Piras è una provocazione per denunciare una situazione sanitaria molto pesante. In Sardegna, infatti, i medici di base vanno in pensione e molte sedi rimangono vacanti per diversi mesi, se non per anni. I bandi spesso vanno deserti e si arriva al punto in cui in vari paesi non c’è più neanche un sostituto.

La prima cittadina, dopo aver appreso che l’ennesimo bando per la ricerca di un professionista non ha dato esito positivo, ha firmato l’ordinanza che è stata poi inviata all’Ats, alla Regione Sardegna, all’assessorato alla Sanità, al Prefetto di Nuoro e ai Carabinieri.

“Un medico oggi ha rinunciato all’incarico di assistenza primaria lasciandoci senza medico condotto, situazione nella quale ci troviamo da due anni – spiega la sindaca di Oniferi – Le ho provate tutte, ho parlato con i consiglieri regionali, con l’assessore alla Sanità ma non si capisce come mai la Regione non faccia l’elenco delle sedi carenti dal 2016. Ora non abbiamo neanche il sostituto e non possiamo rivolgerci a nessun medico dei paesi vicini, che non hanno dato disponibilità a sostituire il nostro, perché ‘oberati di lavoro’. La situazione è al limite e tra poco, d’accordo con gli altri colleghi del territorio, marceremo su Cagliari dove riuniremo i nostri consigli comunali per farci ascoltare“.

“L’assenza del medico di base non è un problema che riguarda solo Oniferi – prosegue la sindaca – ma anche Sarule, Olzai, Nule, Benetutti. Manca uno dei medici di base anche a Oliena, a Orani ne mancano due e si va avanti con incarichi precari, che alla prima occasione se ne vanno. Così non possiamo più andare avanti – conclude – dopo l’ordinanza provocatoria ho intenzione di unirmi ai colleghi per forme di proteste eclatanti che pongano fine a un situazione vergognosa che nega il diritto alla salute dei nostri cittadini”.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

Leggi anche: 1. Covid, il colpo di grazia per il benessere degli italiani: aumentano le disuguaglianze e preoccupa il 2021; // 2. Covid, via libera dell’Aifa al vaccino di Astrazeneca in Italia; // 3. Dall’1 febbraio Italia quasi tutta gialla: 5 regioni arancioni; //4. Vaccini, l’Ue pubblica il contratto con Astrazeneca: “È chiarissimo, con ordini vincolanti” //5. Andrea Crisanti: “Per toglierci la mascherina ci vorranno due anni”// 6. Il dossier dei servizi segreti che allarma il governo: “Contagi sottostimati del 50%” // 7. Massimo Galli: “Le elezioni regionali tra le possibili cause della seconda ondata di Covid in Italia”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

44
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.