Me

Venezia: nave da crociera sbanda e rischia di finire contro la riva

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 7 Lug. 2019 alle 20:46 Aggiornato il 7 Lug. 2019 alle 20:52

Venezia: nave da crociera sbanda e rischia di finire contro la riva

Sbanda e rischia di finire contro la riva: è accaduto a Venezia a una nave da crociera.

I fatti si sono svolti nel primo pomeriggio di domenica 7 luglio quando la “Costa Deliziosa”, nave della Costa Crociere, stava uscendo dal porto, guidata rimorchiatori.

La nave, probabilmente a causa del maltempo, che si è abbattuto sulla laguna con una burrasca di grandine e vento, ha cominciato a sbandare poco dopo il bacino di San Marco.

La “Deliziosa” ha sfiorato diverse imbarcazioni, tra cui uno yacht ancorato in Riva Sette Martiri e altre barche del servizio pubblico di trasporto. All’altezza dei Giardini, il pilota ha fatto partire la sirena prolungata dell’emergenza, mentre i rimorchiatori di prua sono riusciti con fatica a “raddrizzare” la nave, evitando per un soffio l’incidente.

I membri dell’equipaggio dello yacht si sono letteralmente lanciati a terra per mettersi al sicuro, trovando rifugio nel posto di guardia della vigilanza privata della barca. A raccontare l’episodio è stata la stessa guardia giurata.

Grande spavento sia per coloro che si trovavano a riva che per i passeggeri dei vaporetti, alcuni dei quali hanno immortalato il mancato incidente in un video, che in breve tempo sta facendo il giro dei social network.

“Ce la siamo vista venire quasi addosso” ha raccontato uno dei testimoni all’Ansa. “La nave era in visibile difficoltà di manovra e stava puntando verso Riva San Biagio. Il rimorchiatore di prua ha tentato una manovra disperata portandosi completamente a dritta della nave, riuscendo gradualmente a virare e a “ricentrare” la rotta”.

Intanto, il presidente dell’autorità portuale di Venezia Piero Musolino ha dichiarato che verranno fatte le necessaria verifiche per capire se la nave avesse ricevuto i necessari permessi dalla Capitaneria di Porto per poter partire.

Pronta la risposta di Costa Crociere, che ha sottolineato come tutte le operazioni siano state effettuate sotto le indicazioni del Comandante del Porto, del pilota e dei tre rimorchiatori a cui la nave era legata. “Il Comandante – ha puntualizzato poi la compagnia – ha sempre mantenuto il controllo della nave pur in condizioni di estrema ed improvvisa difficoltà”

Questo episodio rischia di riaprire le polemiche sul passaggio delle grandi navi da crociera nel canale della Giudecca a Venezia.

Già lo scorso 2 giugno, nel canale della Giudecca a Venezia, la nave da crociera Opera della Msc era andata a sbattere su una riva coinvolgendo un battello passeggeri, il River Countess, che aveva a bordo 130 persone, provocando il ferimento di 4 persone.

L’incidente aveva innescato una serie di polemiche politiche sull’opportunità di aprire i porti della città di Venezia a questi “mostri” del mare, ma, a quanto pare, a distanza di un mese la situazione non sembra essere cambiata.

Porti chiusi per i migranti, aperti per i mostri del mare: la tragedia sfiorata di Venezia mette in ridicolo Salvini e Toninelli