Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

La prima vaccinata in Puglia a TPI: “Una responsabilità grandissima e l’obiettivo di fermare i no vax”

Immagine di copertina

“Che grande emozione e che grande responsabilità vaccinarsi per primi”. Lidia Dalfino, 52 anni e titolare del reparto di rianimazione del Policlinico di Bari, è la prima dottoressa vaccinata in Puglia.

Da marzo ad oggi ha assistito almeno 200 pazienti affetti dal Covid e visto molti di loro perdere la vita lontani dai parenti: anziani, giovani, con o senza malattie pregresse. Ha visto con i suoi occhi le conseguenze della pandemia e per questo oggi, domenica 27 dicembre, ha deciso di sottoporsi per prima all’iniezione anti-Covid in occasione del “V-Day” che lancia la campagna in Italia in Europa dopo il via libera dell’Ema.

Che effetto fa essere tra i primi vaccinati in Italia?
“È stato simbolico ed emozionante. Si avverte molto la responsabilità di essere d’esempio. Sono molto felice”.

Come è stata la giornata, come si è svolta?
“Siamo state vaccinate in tre persone, tre donne. Io, una collega specializzanda e la caposala del Pronto Soccorso di medicina Covid. C’era l’assessore alla Salute e tantissima stampa, è stato un evento insomma”.

Come siete state scelte?
“Ci hanno selezionato perché donne, essendo un ospedale rosa. E perché siamo state in prima linea dall’inizio della pandemia. Siamo state molto impegnate tutte e tre a combattere il Covid da vicino”.

Non bisogna ancora stare tranquilli, la lotta è lunga. Però si può dire che il vaccino è un primo segno di speranza?
“Assolutamente sì. Sarà sicuramente una data storica, ma se a questo fa seguito un’adesione di massa alla campagna vaccinale. Se rimarrà soltanto un gesto, non servirà a molto. Il significato di oggi era dare l’esempio a tutti gli operatori sanitari e a tutta la popolazione”.

Lei che è dirigente del reparto di rianimazione Covid può testimoniare quanto è importante questa vaccinazione. Che cosa ha visto in questi mesi?
“Purtroppo vivo l’aspetto più brutto del Covid perché lavoro in rianimazione e ho vissuto entrambe le ondate, so cosa il virus può fare, so che abbiamo pochissime armi a disposizione e credo che il vaccino sia quella più potente di cui disponiamo in questo momento, quindi è fondamentale che l’adesione sia la più alta possibile. La stanchezza di questi mesi non è tanto dovuta alle condizioni in cui lavoriamo, ma vedere spesso il fallimento dei nostri sforzi. Veder comunque morire le persone”.

Ci sono molti operatori sanitari che si sono professati no-vax. Che cosa vorrebbe dire loro? E qual è il suo appello?
“Io parto dal presupposto che tutti noi operatori sanitari durante il percorso di studi studiamo che il vaccino è l’arma più potente che abbiamo per debellare le malattie, soprattutto quelle pandemiche. Dò per scontato che queste persone lo sappiano. Il problema forse per loro è l’affidabilità del vaccino, ma basterebbe leggere gli studi e vedere i risultati scientifici per capire che questo punto è stato superato. Il vaccino è stato approvato e validato, è stato ritenuto efficace, si sono visti gli effetti avversi paragonabili a quelli di un vaccino normale. Dico a tutti gli operatori sanitari che non è il momento di fare queste dichiarazioni no-vax”.

Leggi anche: 1. Covid Calabria: cosa è cambiato a un mese dall’insediamento del commissario Longo; // 2. Sci, a rischio la riapertura prevista il 7 gennaio. Il Cts boccia il Piano delle Regioni; //3. Vaccino Covid, 9.750 dosi consegnate allo Spallanzani di Roma. Domani l’atteso V-Day; // 4. Heather Parisi non vuole vaccinarsi? Allora non ha diritto a curarsi negli ospedali italiani (di Luca Telese)// 5. Il Veneto ora è un caso: record di contagi, tasso di positività al 36,3%
TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale
Cronaca / L’Aquila, la conducente dell’auto: “Errore umano, marcia tolta inavvertitamente”
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale
Cronaca / L’Aquila, la conducente dell’auto: “Errore umano, marcia tolta inavvertitamente”
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Cronaca / “Giù le mani dagli alpini. Se siete lesbiche non rompete i co****ni”: insulti alla consigliera delle pari opportunità di Roma
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, Viola: “Potrebbe dipendere da un calo immunità collettiva”
Cronaca / Covid, 26.561 casi e 89 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'11,4%
Cronaca / La mamma del bimbo morto nell’incidente all’asilo: “Un dolore sovrumano, chiediamo silenzio”
Cronaca / Mali, tre italiani e un togolese rapiti da uomini armati: sequestrata una coppia con bambino
Cronaca / Ossigenoterapia, desametasone, plasma: cosa funziona e cosa no per il Covid
Cronaca / La vera storia di Feltrinelli