Vaccini, dopo l’inchiesta di TPI anche la Regione Lombardia ammette i ritardi

Una nota diramata dalla direzione del Welfare della Regione Lombardia conferma il quadro delineato da TPI con la sua inchiesta di ieri. La Consigliera regionale del PD Carmela Rozza: "Le nostre previsioni si stanno, purtroppo, avverando. La Regione arriva impreparata all’appuntamento autunnale, nonostante tutto quello che è successo nei mesi scorsi"

Di Lorenzo Zacchetti
Pubblicato il 3 Set. 2020 alle 18:35
495
Immagine di copertina
La consigliera regionale lombarda Carmela Rozza (PD) e l'assessore al Welfare Giulio Gallera (Forza Italia)

“La campagna vaccinale inizierà con l’offerta ai pazienti fragili a partire dalla seconda metà di ottobre, garantendo tra l’altro la disponibilità a partire dal mese di novembre dei professionisti che effettuano la campagna agli over 65 (MMG e ASST) in più punti di erogazione per consentire il distanziamento come da regole anti Covid-19”. Così scrive la direzione del Welfare della Regione Lombardia, in una circolare inviata a tutti i direttori generali delle ATS e ASST della Lombardia.

Il tema era già stato anticipato ieri da TPI con una corposa inchiesta e questo comunicato della Regione spinge il Partito Democratico della Lombardia ad affermare: “Le nostre previsioni si stanno, purtroppo, avverando. La Regione arriva impreparata all’appuntamento autunnale, nonostante tutto quello che è successo nei mesi scorsi. In Lombardia la campagna vaccinale partirà troppo tardi, nonostante il ministero chiedeva di anticiparla a inizio ottobre, nonostante l’emergenza Covid-19. Non solo la campagna inizierà a novembre, ma la stessa circolare dice che non è ancora noto alla Regione quando saranno consegnate le dosi di vaccino acquistate”, afferma la consigliera Carmela Rozza.

Un ulteriore passaggio della circolare spiega che: “Nelle more della comunicazione da parte delle aziende produttrici di vaccini delle date esatte di consegna dei vaccini, si riportano i periodi indicano le tempistiche di massima di inizio e fine campagna: appena disponibili verranno fornite le date esatte di consegna dei vaccini”.

Rozza commenta: “La Regione ammette che per la fascia dei 60/64enni si aspetterà di vedere quante dosi rimarranno disponibili dalla campagna degli over 65, mentre vengono ignorati tutti gli altri cittadini e il mondo della scuola. Per i più piccoli, dai 2 ai 5 anni, che sono una fascia delicatissima per la difficoltà oggettiva a gestire il contagio, è già chiaro che le vaccinazioni non inizieranno prima della seconda o terza settimana di novembre, decisamente troppo tardi, con il rischio che le influenze siano già abbondantemente diffuse. Una gestione del genere mette tutti i lombardi nuovamente a rischio”.

Leggi anche: 1. L’inchiesta di TPI sui vaccini influenzali in Lombardia: “Sono in ritardo e distribuiti male” / 2. Vaccino antinfluenzale, la Sicilia aumenta di un terzo le dosi: “Ma noi farmacisti rischiamo di restare senza” /3. Scuola, Governo e Regioni promuovano una vaccinazione antinfluenzale di massa: la campagna di TPI

495
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.