Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

Allarme Whastapp, la Polizia di Stato: “Non inviare codici, è una truffa”

Di Angelica Pansa
Pubblicato il 30 Ago. 2020 alle 10:25 Aggiornato il 30 Ago. 2020 alle 10:39
34
Immagine di copertina
Credits: Pixabay

Allarme Whastapp, la Polizia di Stato: “Non inviare codici è una truffa”

Allarme WhatsApp: gira una truffa telefonica ai danni degli utenti della famosa app di messaggistica istantanea. Lo comunica la Polizia di Stato tramite un post sul profilo Facebook Commissariato di PS Online. “Per attivare l’App di messaggistica Whatsapp sul proprio smartphone – si legge – è necessario inserire un codice che viene inviato tramite SMS sul dispositivo. Tramite questa procedura i cybercriminali riescono a far recapitare alla vittima un SMS nel quale viene chiesto l’invio di tale codice facendo apparire come mittente il numero di telefono di un contatto presente in rubrica.
L’invio del codice permette agli stessi di poter attivare un nuovo Whatsapp su un dispositivo diverso ma riferito al numero telefonico della vittima prescelta che, di fatto, ne perde la “proprietà”.

Attenzione quindi a non dare seguito a tali richieste, ribadisce la polizia, e non inviare alcun codice via sms anche se il messaggio proviene dai propri contatti in rubrica. E aggiunge una serie di consigli per la tutela degli utenti: non cliccare su eventuali link presenti negli SMS; attivare la cd. ”verifica in due passaggi” disponibile nell’area impostazioni- account” dell’App e non condividere mai il tuo codice di verifica WhatsApp con altre persone. Se qualcuno tenta di prendere controllo del tuo account, avrà bisogno che gli venga inviato il codice di verifica via SMS.

Leggi anche: 1.False mail dall’Agenzia delle Entrate: occhio alla “truffa del direttore”/2.La truffa dei falsi volantini del Ministero: “Si invitano i non residenti a lasciare abitazioni ospitanti”/3.Allarme truffa: gli sciacalli del coronavirus raggirano gli anziani con la scusa del tampone/4.Dipendente pubblica finge 16 gravidanze in 20 anni: truffa all’Inps da 100.000 euro

34
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.