Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Paura in un cinema di Roma: un’invasione di topi mette in fuga 700 studenti

Immagine di copertina

Gli alunni stavano assistendo a una proiezione in occasione della Giornata della Memoria

Settecento studenti, tra i 13 e i 16 anni, si trovavano al cinema Barberini di Roma quando sotto i loro occhi si è svolta una scena assurda: un’invasione di topi. Gli alunni, accompagnati dai loro insegnanti, hanno abbandonato di corsa la struttura. L’episodio è avvenuto il 24 gennaio 2019 in pieno centro, non lontano da Via Veneto e la Fontana di Trevi.

Per la Giornata della Memoria era stata organizzata una proiezione appositamente per gli scolari. Ma proprio durante la visione del film i ragazzi si sono accorti che c’erano dei roditori morti e altri in fuga nella sala. Così, il corpo docente e gli alunni hanno lasciato di fretta e furia il cinema spaventati. L’edificio è stato chiuso e subito sono stati chiamati i vigili del fuoco. Tra gli interventi anche quelli della Asl e della tutela ambientale.

LEGGI ANCHE: Invasione di topi a Cesena: i roditori saltano sulle macchine ed entrano in casa | VIDEO

Cos’è la Giornata della Memoria

La Giornata della Memoria è una ricorrenza internazionale che viene celebrata ogni anno il 27 gennaio al fine di commemorare le vittime dell’Olocausto.

Tale importante ricorrenza è stata stabilita il 1° novembre 2005 nel corso della 42esima riunione plenaria dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con la risoluzione 60/7; la riunione ha fatto seguito a una sessione speciale che si era invece tenuta il 24 gennaio 2005, giorno in cui la stessa Assemblea celebrava il 60esimo anniversario della liberazione dei campi di concentramento e, di conseguenza, la fine dell’Olocausto.

Perché è stato scelto proprio il 27 gennaio? Questa data è particolarmente significativa perché il 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche dell’Armata Rossa, le quali marciavano in direzione della Germania impegnate nell’offensiva Vistola-Oder, entrarono ad Auschwitz per finalmente liberarla.

È stato con la scoperta di Auschwitz prima e con le testimonianze dei suoi sopravvissuti poi che fu rivelato dettagliatamente per la prima volta al mondo l’orrore del genocidio nazifascista.

LEGGI ANCHE: Giornata della Memoria 2019: ecco tutti gli eventi e le iniziative in Italia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / È morto lo stilista Renato Balestra, aveva 98 anni
Cronaca / Tragedia Ischia, il governo si contraddice: Salvini annuncia 8 vittime, Piantedosi e il prefetto lo smentiscono
Cronaca / Il video di un poliziotto che prende a calci e manganella un 24enne ubriaco nel centro di Rieti | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / È morto lo stilista Renato Balestra, aveva 98 anni
Cronaca / Tragedia Ischia, il governo si contraddice: Salvini annuncia 8 vittime, Piantedosi e il prefetto lo smentiscono
Cronaca / Il video di un poliziotto che prende a calci e manganella un 24enne ubriaco nel centro di Rieti | VIDEO
Cronaca / Cade da una nave da crociera e sopravvive in acqua per ore: “È un miracolo”
Cronaca / Maltempo, frana a Ischia: morta una donna, 11 i dispersi. Ritrovata la famiglia con il neonato
Cronaca / Il caso Rossignoli e l’equivoco sul merito
Cronaca / Trapani, brutale aggressione in centro storico: donna picchiata e abbandonata in una pozza di sangue
Cronaca / Offriva la moglie ai clienti per pagare le bollette: fruttivendolo a processo per sfruttamento della prostituzione
Cronaca / Reggio Emilia, infila la testa della moglie nel forno: arrestato 60enne
Cronaca / Eutanasia, Marco Cappato torna in Svizzera per un nuovo suicidio assistito: “È disobbienza civile”