Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Silvia Romano tradita da una “spia”: nuove rivelazioni sul sequestro e la prigionia

Immagine di copertina

Silvia Romano tradita da una “spia”: nuove rivelazioni sul sequestro e la prigionia

Non si era resa conto che qualcuno stava per tradirla. Silvia Romano, la cooperante italiana rientrata in Italia ieri dopo 18 mesi di sequestro tra Kenya e Somalia, ha raccontato agli inquirenti che nulla l’aveva messa in allarme nelle settimane precedenti al suo rapimento, avvenuto il 20 novembre 2018 a Chakama, il villaggio in cui ha opera la Ong preso cui lavorava la ragazza, Africa Milele. “Tutto sembrava andare come doveva, non ho percepito in quei giorni nessuna situazione di particolare pericolo o che mi facesse temere per la mia incolumità”, ha raccontato la 25enne agli inquirenti secondo la ricostruzione di Repubblica.

Eppure qualcuno, in quel villaggio, aveva tradito Silvia, rivelando ai jihadisti di Al Shabaab che nel villaggio lavorava una ragazza occidentale sola, senza particolari protezioni. Forse a fare la spia è stato il ragazzo che la giovane ha riconosciuto nelle foto che le sono state mostrate dagli inquirenti: un uomo di cui Silvia ricorda il volto perché perché frequentava una ragazza del villaggio, e che avrebbe fatto da basista per il rapimento. A rapire l’italiana, alle 19.30 del 20 novembre, arriva un commando composto da almeno otto persone a prenderla. I banditi keniani sarebbero stati guidati da Ibrahim Adhan Omar, 31enne somalo membro dell’organizzazione terroristica Al Shabaab.

Il gruppo prende Silvia e la consegna ai sequestratori somali in cambio di soldi e armi. “Dopo essere stata rapita sono stata accompagnata per circa un chilometro dove ad aspettarmi c’erano tre sequestratori somali con delle moto”, ha spiegato la ragazza. “Mi hanno preso e siamo partiti verso la Somalia”. I primi momenti, quelli durante il viaggio, sono stati i più duri per Silvia. “Abbiamo attraversato foreste e zone molto impervie. Abbiamo guadato due fiumi. Avevamo moto, abbiamo camminato e nell’ultimo tratto sono arrivate anche due automobili”.

Al confine tra i due paesi in quei giorni pioveva a dirotto e Silvia si è ammalata, con una febbre altissima. I suoi carcerieri l’hanno curata, recuperando anche farmaci specifici. “Piangevo, piangevo sempre. Non smettevo mai di piangere”. Un mese dopo il rapimento Silvia è già oltre il confine con la Somalia. È in quel momento che inizia il sequestro vero e proprio, durante il quale la ragazza ha cambiato sei covi e ha iniziato il percorso che l’ha portata a convertirsi all’Islam.

Leggi anche: 1. Silvia Romano ha cambiato nome: “Ora mi chiamo Aisha” /2. I filmati, le trattative coi terroristi, lo scambio finale: le tappe della liberazione di Silvia Romano

3. Bentornata Silvia, oggi più che mai abbiamo bisogno del meglio della tua generazione /4. Silvia Romano, il giallo della conversione all’Islam: “Lo dirò subito a mia madre”

5. Se una conversione all’Islam destabilizza i vostri pregiudizi borghesi, il problema siete voi /6. Vi racconto come Silvia Romano ha trasformato la mia paura in speranza (di G. Cavalli)

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mai più fascismi: immagini dalla manifestazione di Cgil, Cisl e Uil a San Giovanni a Roma
Cronaca / Roma, il video reportage dalla manifestazione dei sindacati: “Dire no al fascismo significa dare speranza alle donne e ai giovani”
Cronaca / Covid, oggi 2.983 casi e 14 morti: tasso di positività allo 0,6%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mai più fascismi: immagini dalla manifestazione di Cgil, Cisl e Uil a San Giovanni a Roma
Cronaca / Roma, il video reportage dalla manifestazione dei sindacati: “Dire no al fascismo significa dare speranza alle donne e ai giovani”
Cronaca / Covid, oggi 2.983 casi e 14 morti: tasso di positività allo 0,6%
Cronaca / I sindacati scendono in piazza dopo l’assalto alla Cgil. Landini: "Le organizzazioni fasciste devono essere sciolte"
Cronaca / Green Pass, l’Italia non si blocca: proteste in tutto il Paese contro l’obbligo sul luogo di lavoro, ma senza disagi
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Cronaca / Green Pass, i no vax Barillari e Cunial occupano gli uffici della Regione Lazio
Cronaca / Green Pass obbligatorio, ma i tamponi non bastano per tutti i lavoratori