Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

La nave Sea Eye torna al largo Libia: “Siamo soli a cercare i 41 migranti spariti”

Immagine di copertina
Credti: ARIS MESSINIS/AFP/Getty Images

Dal 23 marzo non si hanno più notizie di un gommone con 41 migranti a bordo partito dalla città libica di Sabrata. Quello stesso giorno viene lanciato un messaggio di aiuto per un’imbarcazione che si trova al largo delle coste della Libia, ma da quel momento in poi cala il silenzio. 

Il 27 marzo la Ong Sea Eye ha annunciato di essere tornata in area Sar per cercare il gommone con la nave umanitaria Alan Kurdi.

“Abbiamo raggiunto la zona Sar e stiamo cercando da soli le 41 persone che erano su un gommone e che mancano da tre giorni. In questi giorni è l’unica nave civile di salvataggio presente al largo delle coste della Libia, in un tratto di mare svuotato dal soccorso civile e dalla possibilità di testimoniare quanto di terribile quotidianamente accade”.

Questo il tweet pubblicato dalla Ong sui social, in cui si denuncia l’assenza di altre imbarcazioni umanitarie in grado di aiutare chi lascia la Libia per raggiungere le coste europee e di testimoniare quanto accade nel Mediterraneo.

TPI tre giorni dopo la scomparsa del barcone con a bordo 41 migranti aveva intervistato Giorgia Linardi, portavoce della Ong Sea Watch.

“È gravissimo che nessuno si interessi di sapere come stanno queste persone. Stando al regolamento SAR dovrebbe essere Malta a seguire la situazione e rendere conto di cosa sia accaduto in quelle acque”, ha commentato la Linardi a TPI.

Le speranze di trovare le 41 persone a bordo dell’imbarcazione ancora in vita si riducono ogni giorno di più. Anche se il barcone fosse stato intercettato dai militari libici non è che detto che i migranti siano stati tratti in salvo: generalmente chi scappa dalla Libia preferisce morire in mare piuttosto che essere riportato indietro.

Una volta in Libia infatti che ha cercato di arrivare in Europa viene rinchiuso nelle carceri più o meno legali presenti nel paese e rilasciati solo dietro cauzione.

>>Un rapporto dell’ONU denuncia gli orrori nei centri di detenzione libici

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cannabis, è stato raggiunto il quorum per il referendum: raccolte 500mila firme
Cronaca / Fiere di animali esotici, l’inchiesta della Lav sui “wet market” italiani
Cronaca / 4.552 nuovi casi e 66 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,6%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cannabis, è stato raggiunto il quorum per il referendum: raccolte 500mila firme
Cronaca / Fiere di animali esotici, l’inchiesta della Lav sui “wet market” italiani
Cronaca / 4.552 nuovi casi e 66 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,6%
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Cronaca / Quando esce The Post Internazionale in edicola, città per città
Cronaca / Positivi al Covid, accompagnano i figli a scuola prima dell’esito del tampone: due classi in quarantena
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”
Cronaca / Barbara Palombelli sui femminicidi: “Bisogna chiedersi se le donne hanno avuto comportamenti esasperanti”
Cronaca / Green pass per tutti i lavoratori: multe fino a 1.500 euro e stop allo stipendio per chi non ha la certificazione