Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un rapporto dell’ONU denuncia gli orrori nei centri di detenzione libici

Immagine di copertina
Credit: Getty Images

ONU: "L'Europa non ostacoli le ONG e smetta di collaborare con la Guardia costiera libica e non "

Nel momento in cui entrano in Libia, i migranti sono sottoposti a orrori inimmaginabili. Questa è la denuncia che si legge in un rapporto dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.

Andrew Gilmour, Segretario Generale per i Diritti Umani ONU, che ha presentato il rapporto davanti al Consiglio per i diritti umani degli Stati Uniti a Ginevra, ha affermato che le relazioni su torture e abusi subiti dai migranti sono tra i più strazianti che abbia mai sentito.

Gilmour ha raccontato di alcune testimonianze: qualche settimane fa, il Segretario ha incontrato in Niger alcuni rifugiati e profughi liberati dalle carceri della Libia. Come ha riportato Gilmour, “ognuno di loro – donne, uomini, ragazzi e ragazze – era stato stuprato, molti ripetutamente e torturato con la elettricità”.

“Tutti hanno testimoniato della diffusa tecnica di estorsione, in base alla quale i torturatori costringono le loro vittime a chiamare le loro famiglie, che vengono poi sottoposte alle urla dei loro cari lì che, si dice, continueranno fino a quando pagheranno un riscatto”, ha continuato a raccontare Gilmour.

A compiere le violenze terribili sono trafficanti e contrabbandieri, ma anche funzionari dello stato libico e membri di gruppi armati. Intanto i migranti dall’Africa continuano ad arrivare in Libia per imbarcarsi e arrivare in Europa. I paesi europei, però, oggi sono sempre meno disposti ad accoglierli e, assieme alla Guardia costiera libica, intercettano le navi su cui viaggiano profughi e migranti e li rispediscono indietro, condannandoli alle violenze e ai soprusi delle carceri libiche.

Come ha spiegato ancora Gilmour, i migranti così vengono riportati in quei luoghi in cui sono sottoposti a torture e ad altre violazioni dei diritti umani. Sulla base di questi dati, il Segretario Generale per i Diritti Umani ONU ha chiesto che i gruppi non profit tornino a salvare i migranti in mare.

Gilmour ha sollecitato l’Europa a mettere un punto alla collaborazione con la guardia costiera libica. A rispondere al Segretario ONU è stato Adel Shaltut, incaricato d’affari libico, che si è detto stupito dal fatto che non fosse stato apprezzato il contributo della Libia per aiutare i migranti. Sempre secondo Adel Shaltut i migranti sarebbero vulnerabili ad abusi e violenze perché irregolari.

Libia, i minori abusati e torturati nei centri di detenzione per migranti finanziati dall’Ue

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane