Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Saman Abbas, il fratello conferma in aula: “L’ha uccisa lo zio Danish Hasnain”

Immagine di copertina
Le immagini esclusive di Diritto e Rovescio

A uccidere Saman Abbas, la 16enne di origine pachistana scomparsa da quasi un mese e mezzo a Novellara, nella bassa Reggiana, “è stato lo zio Danish Hasnain”. Arrivano le prime conferme dal 16enne fratello della pakistana sparita, in tribunale a Reggio Emilia, in un’aula a porte chiuse. Iniziato poco prima delle 10 l’incidente probatorio con l’audizione del fratello minorenne di Saman.

Il fratello, rintracciato il 10 maggio mentre stava lasciando l’Italia e da allora in una comunità protetta, era già stato sentito e aveva detto che lo zio gli aveva confessato di aver ucciso la giovane, che si era opposta a un matrimonio combinato e voleva andarsene dalla famiglia, dopo essere ritornata a casa per un breve periodo. L’incidente probatorio serve a “cristallizzare” le sue dichiarazioni.

Lo zio Danish è ricercato in mezza Europa insieme agli altri indagati: i genitori di Saman, Shabbar Abbas e Nazia Shaheen, fuggiti in Pakistan, e il cugino Nomanulhaq Nomanhulaq che pure si presume sia in Europa. L’altro cugino indagato, Ikram Ijaz, unico arrestato della vicenda, ha assistito all’audizione in videocollegamento dal carcere di Reggio Emilia.

Il fratello di Saman è il teste-chiave della Procura, il grande accusatore dello zio 33enne Hasnain Danish, che a suo dire ha ucciso la sorella per poi rifiutarsi di dirgli dov’era seppellita e che ha indicato il movente di questo delitto ordito, a quanto sta emergendo, da più parenti, tra cui i genitori della giovane.

“Sarò soddisfatta quando arriveremo alla fine delle indagini”, ha detto Isabella Chiesi, procuratrice capo reggente di Reggio Emilia, ha commentato alla fine dell’incidente probatorio a cui si è sottoposto il fratello sedicenne di Saman Abbas. Il corpo della diciottenne pachistana non è ancora stato ritrovato e gli inquirenti stanno continuando a cercarlo nelle campagne agricole attorno all’abitazione dove viveva la famiglia.

“È un’indagine delicatissima. Trattandosi di un minore, le esigenze di tutela massima vanno ben oltre la difesa tecnica. Capirete il mio silenzio assoluto”. Così l’avvocata del fratello di Saman, Valeria Miari.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Cronaca / Udine, ultraleggero precipita in un bosco. Morto il passeggero
Cronaca / Genova, morto un giovane travolto da un’auto dentro un garage
Cronaca / Merano, alternanza scuola-lavoro: ragazzo di 17 anni si ustiona gravemente in officina
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale