Covid ultime 24h
casi +23.225
deceduti +993
tamponi +226.729
terapie intensive -19

Rezza: “Perché la Campania è in zona gialla? Ha Rt più basso di Lombardia o Calabria, forse per effetto delle ordinanze regionali”

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 6 Nov. 2020 alle 12:14
24
Immagine di copertina

Rezza: “Perché la Campania è zona gialla? Rt inferiore a Lombardia o Calabria”

Il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Giovanni Rezza, ha risposto alla domanda che gran parte dell’Italia e dei governatori delle varie Regioni si stanno facendo in queste ore: “Perché la Campania, che ci si aspettava di trovare in zona rossa, è invece gialla? La Regione ha molti casi – ha detto l’epidemiologo e dirigente dell’Iss nel corso della conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale della cabina di regia – ma ha un Rt molto più basso ad esempio di Lombardia o Calabria”. L’indice di trasmissibilità Rt, dunque, è stato il più decisivo tra i 21 parametri utilizzati dal Governo per scegliere in che fascia mettere ogni Regione durante questa nuova crisi da Coronavirus. “Evidentemente – ha continuato Rezza – la trasmissione è molto aumentata nelle scorse settimane, ma adesso in qualche modo si è stabilizzata. Per questo motivo oggi c’è un Rt non particolarmente alto, anche se il numero di casi è ancora elevato. Le ordinanze regionali possono avere avuto un certo effetto sulla trasmissione”.

“Sembra molto colpita l’area metropolitana di Napoli – ha aggiunto Rezza – ma per quanto riguarda il numero di casi, mentre per l’incidenza è più colpita la parte Nord della Regione, nel Casertano. Ci troviamo in rosso una Regione come la Calabria che ha un’incidenza sicuramente inferiore, ma un Rt molto alto. Come può succedere questo? Rt stima che in questo momento c’è molta trasmissione dell’infezione in un determinato luogo. Evidentemente, dopo un certo periodo si manifesterà anche un aumento del numero dei casi. Un Rt elevato anticipa dunque di qualche giorno l’aumento dell’incidenza dei casi. Se poi in quella Regione l’indice di occupazione di posti letto e di terapie intensive sono già alti e non si riescono a tracciare i contatti o contare i focolai, a quel punto automaticamente ci troviamo in una situazione di alto rischio. E comunque, la possibilità di istituire zone rosse in Regioni che non sono oggi in zona rossa è sempre disponibile”.

Leggi anche: 1. Fontana vuole che tutta Italia paghi la zona rossa in Lombardia con un lockdown / 2. Caro Fontana, meglio il lockdown di questo limbo che fa male a tutti / 3. “Dpcm senza strategia. E intanto gli ospedali sono vicini alla saturazione”: l’allarme di Fondazione Gimbe

4. Il Covid e lo spaventoso aumento dei casi di usura: quel dramma nascosto di cui nessuno parla / 5. Ospedale di Rieti, dopo la denuncia di TPI anche il sindaco costretto ad ammettere: “Tamponi nel caos” / 6. Oms: “Covid è mutato, contagio da visoni in Danimarca”. Saranno abbattuti 15 milioni di animali

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

24
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.