Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Renzi querela la giornalista sbagliata: ora deve rimborsarle 4.700 euro

Immagine di copertina
Matteo Renzi. Credit: Ansa

Il leader di Italia Viva voleva querelare una giornalista del Fatto quotidiano, ma ha chiamato in causa una collega omonima

Il leader di Italia Viva Matteo Renzi, che recentemente ha annunciato nuove querele nei confronti di TPI e de La Stampa dopo che entrambe le testate avevano dato notizia del suo viaggio a Dubai, è caduto vittima di uno spiacevole errore in un’altra delle numerose azioni legali intentate ai danni dei giornali e dei giornalisti. A darne notizia è un articolo uscito oggi sul Fatto Quotidiano e firmato da Vincenzo Iurillo.

Il senatore di Rignano era intenzionato a proporre un’azione legale contro Ilaria Proietti, cronista del settore politico del Fatto, ma si sarebbe sbagliato, querelando un’altra giornalista – omonima – che lavora per un’altra testata, e che si è trovata coinvolta in una vicenda giudiziaria che non la riguardava per nulla.

“L’equivoco non ci sarebbe stato”, spiega Iurillo sul Fatto, “se la citazione fosse stata notificata soltanto alla sede del giornale (e sarebbe stata valida comunque). Renzi però preferisce far notificare ai domicili privati dei giornalisti. Così forse i loro vicini di casa possono assistere alle procedure di consegna della citazione legale”.

Ma cosa è accaduto alla giornalista coinvolta ingiustamente? Come stabilito dal giudice, Renzi dovrà rimborsarle le spese legali sostenute: 4.700 euro che dovranno essere pagati subito. Secondo il magistrato, infatti, proprio le omonimie tra le Ilaria Proietti iscritte all’albo dei giornalisti (4 in totale) avrebbero dovuto indurre Renzi a verificare con scrupolo chi si accingeva a querelare. Ora il leader di Iv dovrà pagare di tasca sua l’errore.

Leggi anche:
Querela Viva (di Giulio Gambino)
Matteo Renzi fa causa a La Stampa e TPI (di nuovo)
• Massimo Giannini a TPI: “Renzi ci fa causa per aver scritto il vero, cioè che è a Dubai. Ma noi andremo avanti”
• Querele temerarie, aggressioni, oligarchie: la libertà di stampa in Italia non se la passa bene
• 5 domande a cui Matteo Renzi deve rispondere (a un giornalista)
• Conflitto d’interenzi (di Giulio Gambino)

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Cronaca / Morte Luana D’Orazio, la perizia della procura: “L’orditoio era stato manomesso”
Cronaca / 3.838 nuovi casi e 26 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Referendum contro il green pass, parte la raccolta firme
Cronaca / Green Pass all’aeroporto di Roma Fiumicino? I controlli con il QR code sono un miraggio: VIDEO
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli. In un video diceva: “Ti butto giù”
Cronaca / Vola in Moldavia per la fecondazione assistita: 30enne di Chivasso muore dopo l’intervento
Cronaca / Cinema, stadi e teatri all’80% e deroghe al metro di distanza: le ipotesi del Governo per il nuovo decreto