Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Querela Viva (di Giulio Gambino)

Immagine di copertina
Illustrazione di Emanuele Fucecchi

Sei mesi fa ci aveva fatto causa per 100mila euro per un articolo in cui si riportava che aveva intascato un gettone come conferenziere sulle piste da sci dell’Himalaya. Oggi Matteo Renzi ha annunciato che farà pervenire a TPI un’altra azione civile, non è ancora noto il motivo, per un articolo che affermava che si trovasse a Dubai (fatto mai smentito). E siamo a 2.

Non fosse che le cause civili costano (per chi le fa e per chi le riceve) ci sarebbe da sorridere. Ma la personale campagna legale del leader di Italia Viva di cause e querele continue, “colpo su colpo”, così come l’ha battezzata lui stesso, mette a serio rischio la nostra libertà di stampa.

Invidioso del “Nuovo Rinascimento” che intravede nei regimi in cui i giornalisti che non si piegano al potere vengono fatti letteralmente a pezzi, Renzi deve essersi convinto che anche in Italia sia possibile reprimere la libertà di stampa con azioni legali strumentali volte ad imporre una sorta di autocensura nei riguardi dell’ex premier.

Riteniamo questa prassi inaccettabile, e durante un’intervista video gliene avevamo già chiesto conto.

Così come è inaccettabile omettere di spiegare ed evitare di rispondere alle legittime domande che il nostro giornale (e non solo il nostro) gli ha posto senza alcuna malignità [Leggi anche: 5 domande a cui Matteo Renzi deve rispondere (a un giornalista)].

Non è affatto un accanimento nei confronti del senatore di Italia Viva poiché lo stesso avremmo preteso da qualsiasi altro leader. Ed è per questo che crediamo sia doveroso resistere e continuare a pubblicare notizie e fatti rilevanti sul suo conto perseguendo il fine della libera informazione.

In questo caso la notizia non solo era degna di nota, ma lo era ancor di più nel momento in cui Renzi ha un precedente (il suo viaggio in Arabia) in cui a nostro avviso è emerso un evidente conflitto d’interessi.

Percepisce soldi dal fondo sovrano saudita ed è contemporaneamente senatore della Repubblica, siede nella Commissione Difesa del Senato, che si esprime anche sulle forniture di armi all’Arabia Saudita, e incontra e definisce “amico mio” il principe ereditario Bin Salman, accusato da un rapporto Cia di essere il mandante dell’uccisione del giornalista Jamal Khashoggi. Parla di Nuovo Rinascimento Saudita ma nel regno avvengono soprusi nei confronti di civili e giornalisti, decapitazioni in piazza, ci sono attivisti che sono frustati, c’è una totale mancanza di rispetto nei confronti delle donne, e i civili vengono bombardati in Yemen per mano di una coalizione araba sotto la guida proprio dell’Arabia Saudita. Come possiamo essere certi che Renzi agisca in piena autonomia, e nei soli interessi italiani?

Il nostro Stato di diritto ha gli anticorpi per resistere a chi esercita pressione indebita nei confronti della stampa. Per questo stiamo valutando come resistere a questa azione intimidatoria anche attraverso gli strumenti di contrasto alle querele temerarie (Slapp) riconosciuti dalla giurisprudenza europea.

Sarebbe più semplice chiarire e rispondere nel merito. Oggi è toccato a TPI e a La Stampa (che ha lanciato la notizia del viaggio a Dubai, e a cui Renzi ha anche fatto causa), ieri al Fatto Quotidiano. Quella di TPI è una battaglia di civiltà e di diritto in difesa della libera informazione, che dovrebbe riguardare tutta la stampa indipendente. Come la nostra.

Leggi anche:
Matteo Renzi fa causa a La Stampa e TPI (di nuovo)
Massimo Giannini a TPI: “Renzi ci fa causa per aver scritto il vero, cioè che è a Dubai. Ma noi andremo avanti”
Querele temerarie, aggressioni, oligarchie: la libertà di stampa in Italia non se la passa bene
5 domande a cui Matteo Renzi deve rispondere (a un giornalista)
Conflitto d’interenzi (di Giulio Gambino)

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Dopo il disastro Lombardia col Covid, Fontana parla ancora di velocità lombarda
Opinioni / Statuto M5s, Conte al bivio: "Se non ottiene un plebiscito la sua leadership va già in crisi" (di M. Antonellis)
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Dopo il disastro Lombardia col Covid, Fontana parla ancora di velocità lombarda
Opinioni / Statuto M5s, Conte al bivio: "Se non ottiene un plebiscito la sua leadership va già in crisi" (di M. Antonellis)
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Opinioni / La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”
Opinioni / I Giochi di Tokyo 2020 hanno segnato il trionfo definitivo del sexy sport (di C. Sabelli Fioretti)
Opinioni / Grazie Simone Biles per essere “crollata”: ci hai insegnato cos’è la vera forza
Opinioni / L'ultima sparata di Pillon: sopravvivere attaccati a un macchinario è "naturale" (di G. Cavalli)
Opinioni / Il piano Covid non c’è, le assunzioni neanche, rebus trasporti: il Governo dei Migliori si è dimenticato della scuola
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Cronaca / Altro che giovani sfaticati: il caso di Grafica Veneta dimostra che certi imprenditori cercano solo schiavi (di G. Cavalli)