“I raggi ultravioletti distruggono il Coronavirus in pochi secondi”: lo studio

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 16 Lug. 2020 alle 08:05 Aggiornato il 16 Lug. 2020 alle 08:17
26
Immagine di copertina

I raggi solari disattivano la carica virale del Covid: lo studio

Un team di medici e astrofisici dell’Università degli Studi di Milano, dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) e dell’Istituto nazionale dei tumori, ha condotto un’analisi sul rapporto tra l’andamento della curva epidemiologica del Covid e la quantità di raggi solari nei vari Paesi: il risultato è che il Coronavirus verrebbe disattivato dai raggi ultravioletti in pochi secondi. Aspetto che potrebbe aiutare a risolvere il problema della trasmissione nei luoghi chiusi. Come spiegato al Corriere della Sera da Mario Clerici, primo firmatario dello studio, l’esperimento prevedeva di far sì che i raggi Uv di tipo C colpissero dei droplet contenenti Sars-CoV-2 in diverse dosi: una bassa di virus, una cento volte più alta e una di mille volte più alta. L’esito è rimasto lo stesso in tutti e tre i casi: “La carica virale è stata inattivata in pochi secondi al 99,9 per cento da una piccola quantità di raggi UvC”, ha dichiarato Clerici al quotidiano. E anche con l’utilizzo di raggi UvA e UvB i risultati sono risultati molto simili.

Analizzando la quantità di raggi solari in 260 Paesi, dal 15 gennaio a fine maggio, “la corrispondenza con l’andamento dell’epidemia di Sars-CoV-2 è risultata quasi perfetta: minore è la quantità di UvA e UvB, maggiore è il numero di infezioni”, ha aggiunto il ricercatore. In Italia, dall’inizio della stagione estiva, sono stati registrato pochi casi e con pochi sintomi, mentre alcuni Paesi nell’altro emisfero stanno affrontando il picco”. In Bangladesh, India e Pakistan, dove nonostante il clima caldo la curva è in crescita, invece, sarebbero le nuvole dei monsoni a bloccare i raggi solari.  Una delle conseguenze di queste conclusioni è che le goccioline droplet emesse da un eventuale soggetto positivo in un luogo assolato, all’aperto, vengono colpite dai raggi solari e la carica virale è disattivata in pochi secondi. Dunque, almeno in spiaggia, l’assenza di mascherine non esporrebbe al pericolo di trasmissione.

Leggi anche: 1. Coronavirus, gli anticorpi non proteggono da re-infezioni: l’ipotesi dei ricercatori italiani / 2. L’allarme dell’università di Yale: “Si può avere il Coronavirus e non guarire più” / 3. “Il vaccino c’è già e funziona”. L’Europa vuole distribuirlo senza sperimentazione

4. Coronavirus, secondo Zangrillo: “L’emergenza Covid è finita da due mesi” / 5. Vaia (Spallanzani), appello ai giovani: “Vi prego, non assembratevi. Età dei contagiati più bassa” / 6. Coronavirus, Zaia: “Isolato ceppo virus serbo, è più aggressivo”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

26
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.