Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Gridavo e lui rideva. Godeva nel vedermi piangere”: il racconto shock di due ragazze violentate da Genovese | VIDEO

Immagine di copertina

Il racconto di due delle sei donne che hanno denunciato Alberto Genovese

“Ho impressa la sua faccia mentre rideva e godeva del fatto che piangessi”: è il racconto proposto a Non è l’Arena da Martina Facchini e Ylenia Demeo, due delle sei donne che hanno denunciato di essere state drogate e violentate da Alberto Genovese.

Nella trasmissione, andata in onda su La7 nella serata di domenica 5 febbraio, la 20enne Ylenia Demeo, modella ed ex fidanzata dell’imprenditore, Martina Facchini, studentessa di 22 anni, hanno deciso di mostrarsi per la prima volta al pubblico per mostrare che non bisogna avere paura di denunciare.

Le due giovani, così come le altre ragazze, hanno racconto di aver partecipato alle feste di Genovese, dichiarando di non ricordare nulla. Solo dopo l’arresto dell’imprenditore, in seguito a una denuncia di stupro, infatti, le due hanno capito di essere state a loro volta drogate e violentate da Genovese.

“Ho iniziato a realizzare che anche a me era successa la stessa cosa perché, dopo aver frequentato Genovese, mi ero svegliata con dei buchi temporali e dei dolori atroci addosso” ha raccontato una delle due ragazze presenti in studio.

“Tutti sapevano quello che accadeva, ma tutti lo temevano perché era potente e offriva tutto e tutti” ha affermato Yelania, che ha denunciato Genovese di averla stuprata la sera del 9 ottobre: “Piangevo e gridavo e lui rideva, a lui piaceva vedermi piangere ed urlare. Godeva. Sono scappata”.

“Di base era bravissimo, buffo, intelligente, ti prendeva con la testa” ma “si trasformava quando non dormiva per due, tre giorni, strafatto di cocaina, si incupiva e delirava” è stato il racconto dell’altra ragazza, Martina, che ha aggiunto: “Pensavo, ok Alberto è un po’ feticista, gli piace giocare con le corde, legare”, ma la ragazza prima non collegava “con i miei buchi temporali nelle notti passate con lui”.

Secondo le ragazze, inoltre, Genovese “era paranoico, ingigantiva tutto, sentiva rumori strani, passi che si avvicinavano o voci che gli dicevano che era una persona cattiva”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Parma, tempesta di grandine: danni all’agricoltura e incidenti in autostrada
Cronaca / Polemica sul primario di Novara al corteo anti Green Pass. Lui si difende: “Ho fatto solo informazione”
Cronaca / Due infermiere avvertono i No Vax: “Quando verranno in ospedale ci vendicheremo”. L’Asl si dissocia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Parma, tempesta di grandine: danni all’agricoltura e incidenti in autostrada
Cronaca / Polemica sul primario di Novara al corteo anti Green Pass. Lui si difende: “Ho fatto solo informazione”
Cronaca / Due infermiere avvertono i No Vax: “Quando verranno in ospedale ci vendicheremo”. L’Asl si dissocia
Cronaca / Chiede di fare la chierichetta, ma il parroco dice no: "Solo maschi"
Cronaca / 22 morti e 3.117 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività sale al 3,5%
Cronaca / “Ho denunciato il mio ex e rischio di perdere mio figlio”: la distorsione giudiziaria che colpisce le madri
Cronaca / Liliana Segre: "Follia paragonare i vaccini alla Shoah"
Cronaca / Sardegna, il cane pastore rimasto a guardia delle sue pecore in mezzo all'incendio
Cronaca / "Abusi sessuali sugli alunni di scuola media": arrestato bidello di 56 anni a Brescia
Cronaca / Siena, investe e uccide per sbaglio l’amica 16enne: “Distrutta dal dolore, non esce di casa”