Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Sesso in cambio della promozione all’esame: sospeso professore di Diritto della Federico II di Napoli

Immagine di copertina

Sesso in cambio di esami: sospeso docente della Federico II di Napoli

Scandalo all’università “Federico II” di Napoli, dove il Gip ha sospeso un docente della facoltà di Giurisprudenza, Angelo Scala, per aver domandato agli studenti “sesso in cambio esami“. Il provvedimento è stato notificato dalla Guardia di Finanza all’alba di giovedì 7 maggio e lo accusa di corruzione, falso e induzione indebita per aver chiesto prestazioni ad allievi in cambio della promozione all’esame. Scala, titolare dell’insegnamento di Diritto processuale civile presso l’Università Federico II di Napoli e presso l’ateneo Giustino Fortunato di Benevento, si sarebbe dimesso dall’incarico dopo la prima perquisizione da parte della Guardia di Finanza.

L’inchiesta è condotta dai pubblici ministeri Henry John Woodcock e Francesco Raffaele che, assieme al procuratore Giovanni Melillo, hanno coordinato le indagini della Guardia di Finanza di Napoli, guidata dal tenente colonnello Domenico Napolitano. Nei mesi scorsi sono stati sentiti in Procura circa 15 studenti e studentesse dell’Ateneo, presunti beneficiari dei favori del professore, in qualità di coindagati. Ma quasi tutti si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Pochi giorni prima dell’esplodere dell’emergenza Coronavirus e dopo aver rassegnato le sue dimissioni, anche Scala ha chiesto di essere sentito dagli inquirenti per esporre la propria versione dei fatti, che però evidentemente non ha convinto gli accusatori. Di qui la decisione del Gip di sospendere Scala per nove mesi, anche se la procura ne aveva chiesto gli arresti domiciliari. La misura interdittiva potrà ora essere impugnata di fronte al giudice. In passato, Scala era stato difensore di Diego Armando Maradona in uno dei procedimenti intentati dalla Agenzia delle Entrate contro il calciatore argentino per il recupero di imposte non pagate

Leggi anche:

1. Napoli, imprenditore si suicida a causa della crisi economica provocata dall’epidemia di Coronavirus 2. Napoli, poliziotto tenta di fermare 2 ladri in fuga e muore: criminali travolgono la sua auto 3. Chi è il professore dell’università di Siena che inneggia a Hitler e ha idee antisemite

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Nizza Monferrato, frontale tra due auto: morto un bambino di un anno e mezzo
Cronaca / Cagliari, ragazzo disabile non può andare in bagno a scuola senza assistente. La mamma chiama i carabinieri
Cronaca / “È solo un po’ di febbre”, ma muore poche ore dopo: la gip ordina nuove indagini sui medici del 118
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Nizza Monferrato, frontale tra due auto: morto un bambino di un anno e mezzo
Cronaca / Cagliari, ragazzo disabile non può andare in bagno a scuola senza assistente. La mamma chiama i carabinieri
Cronaca / “È solo un po’ di febbre”, ma muore poche ore dopo: la gip ordina nuove indagini sui medici del 118
Cronaca / Natale, parte da Torino il “Coca-Cola Christmas Village”
Cronaca / Ischia, sciacalli in azione nella devastazione: denunciato un 53enne per ricettazione
Cronaca / Mercatini di Natale 2022 a Milano: quali e dove sono i più belli, orari e date
Cronaca / Maltempo, nubifragio nel Messinese. Danni anche in Calabria
Cronaca / Roma, domenica ecologica: a che ora c’è il blocco del traffico: gli orari oggi, 4 dicembre 2022
Cronaca / Roma, oggi (domenica 4 dicembre) blocco totale traffico nella Fascia Verde: mappa, orari e deroghe
Cronaca / Incendi alle antenne 5G, arrestato un 26enne complottista: voleva combattere il “nuovo ordine mondiale”